menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volotea punta su Genova come nuova base: entro il 2017 nuove rotte e 50 posti di lavoro

Presentato in mattinata il piano che la compagnia aerea low cost spagnola ha in serbo per il Colombo, che diventa il suo nono hub europeo e il quarto italiano

Come annunciato qualche settimana fa, Volotea ha deciso di investire sulla Liguria scegliendo il capoluogo ligure come nuovo hub europeo: il piano, che diventerà operativo nel 2017, è stato presentato in mattinata, con Carlos Munoz, presidente della compagnia aerea low cost spagnola, che ha definito il Colombo «fondamentale nelle nostre strategie di sviluppo» annunciando che saranno 2 gli aeromobili che faranno base a Genova, e 50 le posizioni lavorative che si apriranno per piloti, personale di bordo e uno station manager che coordinerà tutte le attività nello scalo.

La Superba diventa dunque la quarta base italiana di Volotea dopo Venezia, Verona e Palermo: a oggi dal capoluogo ligure i voli della compagnia iberica fanno rotta verso 7 destinazioni, le “tradizionali” Catania, Olbia, Napoli e Palermo e le novità di quest’estate, Alghero, Brindisi e Cagliari. La previsione è quella arrivare a 15 rotte operate da e per Genova entro i prossimi 3 anni, e di aumentare del 30% l’offerta complessiva del Colombo entro i prossimi 5, con 2.160 voli in vendita da e per lo scalo nel 2016 contro i 1.646 del 2015.

«La scelta di Volotea è un'ulteriore dimostrazione della possibilità di rilancio dell'Aeroporto di Genova - ha fatto sapere il presidente della Regione, Giovanni Toti, a margine della conferenza stampa di presentazione del piano, cui ha preso parte anche l’assessore regionale al Trasporti, Gianni Berrino - Bisogna credere nelle nostre potenzialità, e siamo finalmente sulla strada giusta per uscire dall'isolamento e volare verso la crescita e lo sviluppo».

Grande soddisfazione anche da parte di Marco Arato, presidente di Aeroporto Genova Spa: «Ospitare la nuova base di Volotea al Cristoforo Colombo significherà avere più voli e con maggiori frequenze, ma significherà anche un ritorno immediato sul turismo e sull’economia della Liguria. Lavoreremo incessantemente, coinvolgendo enti, istituzioni, aziende, agenzie di viaggio e residenti perché questa fiducia non venga delusa».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento