menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Testaieu, un piatto povero diventato gourmet

Farina, acqua e sale sono tutto quel che occorre per preparare questo piatto forse non troppo conosciuto ma molto gustoso

Forse non tutti conoscono questo piatto della tradizione genovese e diffuso principalmente in Val Graveglia, nell'entroterra di Chiavari, Lavagna e Sestri Levante.

I testaieu fanno parte della cucina "povera" ligure, riscoperta e valorizzata come piatto tradizionale.

Per prepararli occorrono solo tre ingredienti: farina, acqua e sale.

Per quattro persone è consigliata la dose di 300 g di farina, acqua e 4 pizzichi di sale

Tradizionalmente per cuocere i testaieu vengono usati i "testetti", ciotole di terracotta precedentemente arroventate su fuoco a legna. Ma in alternativa gli ingredienti, dopo essere stati mischiati cercando di ottenere un impasto fluido, vengono versati un mestolo alla volta in una padella oleata. Occorre cuocere su entrambi i lati, un po' come se si trattasse di una crepe.

In genere vengono conditi con il pesto, oppure con olio e formaggio, o olio e aglio.

Si possono anche preparare con farina di castagne.

Per chi è curioso di provare questa specialità, si ricorda la sagra che si tiene ogni anno a Cogorno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento