Focaccia "boscaiola": la variante con farina di castagne, cipolla, salvia e rosmarino

  • Categoria

    Antipasto
  • Difficoltà

    Facile
  • Tempo

    un giorno e mezzo
  • Dosi

    4 persone

Uno sfizio in arrivo dal confine con il Piemonte

La ricetta

Italiano

È una tipologia di focaccia molto particolare quella "boscaiola", con castagne, salvia, agilio, cipolle e rosmarino a ricordare l'entroterra ligure, e non solo: pare infatti che la ricetta abbia avuto origine inizialmente a Parodi Ligure, in provincia di Alessandria, da dove partivano molte donne che andavano a prestare servizio in casa di importanti famiglie genovesi. Successivamente, la ricetta si è contaminata con le metodologie di preparazione e i gusti della nostra regione, diventando a tutti gli effetti una specialità di "confine", sia piemontese sia ligure.

Molto adatta a essere tagliata a quadretti per arricchire il cestino del pane a pranzo o a cena.

Preparazione

Iniziamo sciogliendo il lievito in acqua tiepida, e tagliando la cipolla a rondelle fini.

Occupiamoci ora dell'impasto, unendo le due farine e un cucchiaino di sale fino, formando una fontana: versiamo nel buco l'acqua con il lievito. 

Quando l'impasto sarà molto morbido, lasciamolo riposare per una notte sotto un panno di lana.

Il giorno dopo, reimpastiamolo aggiungendo l'olio d'oliva e il trito fine di aglio, salvioa e rosmarino.

Spianiamo l'impasto in una teglia oliata possibilmente rotonda, e facciamo i classici buchi della focaccia con le dita. Aggiungiamo sale grosso, le rondelle di cipolla, e irroriamo con l'olio.

Mettiamo a cuocere in forno a 200 gradi per 25 minuti.

Photo credits: Ig@sehaifamecetina

Torna su
GenovaToday è in caricamento