menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Liguria in zona arancione, le nuove regole in vigore

Da lunedì 15 marzo 2021 la Liguria torna in zona arancione e all'orizzonte si profila già una Pasqua blindata in tutta Italia. La decisione è stata presa dal governo Draghi che ha varato un decreto legge valido fino al 6 aprile 2021, annullate le zone gialle

 È andata in archivio l'ultima domenica in zona gialla per la Liguria, molti genovesi hanno approfittato della giornata di sole per un pranzo in riva al mare, pienone infatti a Boccadasse tra ristoranti e spiaggia, ma nel rispetto del distanziamento sociale e rigorosamente in mascherina.

Da oggi, lunedì 15 marzo 2021, si torna infatti in zona arancione e all'orizzonte si profila già una Pasqua blindata in tutta Italia. La decisione è stata presa dal governo Draghi che ha varato un decreto legge valido dal 15 marzo al 6 aprile 2021, annullate le zone gialle in questo arco di tempo: le regioni saranno classificate solo come arancioni o rosse e sarà possibile solo il passaggio tra questi due colori (che diventerà automatico per tutti tra il 3 e il 5 aprile 2021). Unica eccezione la Sardegna, che rimane in zona bianca.

 

Cosa si può fare in zona arancione

C'è sempre il divieto di spostamento tra le regioni, a meno di motivi di lavoro, salute e urgenza, con il modulo di autocertificazione da compilare in tal caso. Rimane il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del giorno successivo, tranne che per esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute e rimane ovviamente anche l'obbligo di mascherina all'aperto e al chiuso.

Visite a parenti e amici

In zona arancione è consentito all'interno del proprio comune lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno (ovviamente non durante il coprifuoco) e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi. 

Pasqua in zona rossa, cosa si potrà fare

Sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 aprile 2021 tutta l'Italia sarà in zona rossa, saranno escluse solo le eventuali regioni in zona bianca (attualmente solo la Sardegna). Vietato ogni spostamento da casa, tranne che per motivi di lavoro, salute e necessità. Visite a parenti e amici consentite con le stesse modalità della zona arancione in tutta la regione. 

Negozi, bar e ristoranti in zona rossa e arancione

Bar e ristoranti sempre chiusi sia in zona rossa che in zona arancione, consentita la consegna a domicilio e fino alle 22 l'asporto per i ristoranti, per i bar fino alle 18. Vietata la consumazione sul posto o nelle adiacenze. 

In zona arancione aperti i negozi, mentre i centri commerciali solo dal lunedì al venerdì (eccetto i negozi di alimentari o beni di prima necessità, farmacie, edicole e tabaccherie presenti all'interno), il passaggio automatico alla zona rossa nel weekend di Pasqua e a Pasquetta comporta anche la chiusura di tutti i negozi, esclusi supermercati, alimentari, beni di prima necessità, edicole, farmacie e tabaccherie. 

Le scuole

Dal 15 marzo andranno a scuola tutti i bambini e i ragazzi sino alle medie, ma i liceali resteranno con una didattica a distanza al 100%.

Sport in zona rossa e arancione

In zona arancione è consentito svolgere l'attività sportiva e motoria all'aperto e nei centri sportivi non al chiuso. Restano sospese le attività di palestre e piscine e non sono consentiti gli sport di contatto. Consentiti gli eventi e le competizioni, riconosciuti di interesse nazionale dal Coni e dal Cip, riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva. Chiuse piscine e palestre.

In zona rossa l'attività motoria è invece consentita "solo in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da altre persone e con obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezioni individuali". Consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all'aperto e in forma individuale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento