Waterfront, avanti con i lavori: ci sarà anche un parco urbano

Il progetto, donato alla città dall'architetto Renzo Piano, punta a restituire ai genovesi alcune aree portuali, con la riqualificazione di fiera e suoi dintorni

Un nuovo parco urbano suggerito dall'architetto Renzo Piano con due percorsi, ciclabile e pedonale; la firma dell'atto di cessione del Palasport; la demolizione della Palazzina Uffici. Sono le tre principali novità relative al Waterfront di Levante, il progetto di riqualificazione dell'area della Fiera del Mare, già avviato con la demolizione dell'edificio ex Nira e l'inizio dei lavori di scavo del canale.

Il nuovo parco urbano

La nuova viabilità del Waterfront di Levante sarà affiancata sul lato sud, per tutta la sua lunghezza, da un nuovo parco urbano in cui due percorsi, uno ciclabile e l'altro pedonale, si svilupperanno tra alberature ad alto fusto e sistemazioni a verde. La realizzazione del parco è prevista a fine 2021, compatibilmente con il completamento delle autorimesse private previste a nord del canale e intorno al Palasport, il cui sedime coincide in parte con quello delle aree verdi. In ogni caso le automobili non saranno a vista secondo le precise indicazioni dell'architetto Piano. Il verde pubblico, anche per le parti che verranno realizzate su soletta, avrà spessori di terreno pari ad almeno 1/1,5 metri, compatibili con alberature ad alto fusto.

Firmato l’atto di cessione del Palasport

È stato sottoscritto il contratto definitivo di cessione dell'impianto a Cds Holding, il gruppo che realizzerà i lavori di ristrutturazione del Palazzetto. 14 milioni e 250mila euro il valore della transazione. Il Palasport, grazie a un intervento di circa 94 milioni di euro, sarà trasformato in una struttura multifunzionale e potrà ospitare eventi sportivi e di spettacolo. Previsto a ottobre l'inizio dei lavori, che dovrebbero terminare tra la fine del 2021 e la primavera 2022.

Demolita la Palazzina Uffici

È terminata oggi la demolizione della palazzina uffici iniziata martedì pomeriggio. L'edificio, ex centro direzionale della Fiera, è stato completamente abbattuto.

Imbocco canale e demolizione Palazzina Uffici

Entro l'estate 2020 si concluderanno i lavori del primo tratto del nuovo canale navigabile di levante, il cosiddetto “imbocco canale”, che amplia verso nord lo specchio acqueo della marina in corrispondenza di Batteria Stella.

Demolizione Padiglione C, Padiglione D e Biglietteria

Nell'autunno 2020 verranno avviate le demolizioni degli ex Padiglioni fieristici denominati 'C' e 'D' (quest'ultimo in uso alla Facoltà di Ingegneria fino a pochi anni fa), il cui sedime è attualmente in parte interferente con i canali e con le altre opere pubbliche e private previste. Entro l'autunno sarà inoltre avviata e completata la demolizione dell'edificio della biglietteria.

Riorganizzazione sottoservizi e reti infrastrutturali

In parallelo alle demolizioni, verrà attuata una prima serie di interventi di riorganizzazione dei sottoservizi e delle reti infrastrutturali che attualmente attraversano l'area interessata dal Waterfront di Levante, finalizzati a consentire la realizzazione degli scavi per le opere pubbliche e private.

Canali e banchine

Entro la primavera 2021, a conclusione delle demolizioni dei padiglioni C e D, inizieranno gli interventi finalizzati alla realizzazione del canale navigabile previsto nel disegno del Waterfront di Levante realizzato dallo studio Renzo Piano Building Workshop. Verrà data precedenza al tratto est di canale, il cosiddetto 'canaletto', che, a partire dall'attuale marina di fianco alla tensostruttura, salirà verso nord lambendo il Palasport. Con una larghezza di 43 metri nel tratto sud, lo specchio acqueo si ridurrà gradualmente per seguire la curva dell'edificio. Il canale verrà quindi proseguito verso ovest sul retro del Padiglione 'B' (l’attuale edificio a uso fieristico dal caratteristico colore blu, progettato dall'architetto Jean Nouvel) con il tratto denominato 'canale principale', che avrà una larghezza costante pari a 35 metri, fino a ricongiungersi al primo tratto ovest o 'imbocco'. Su entrambi i lati dei canali sono previste ampie banchine pedonali a uso pubblico, che avranno una larghezza compresa tra i 6 e i 18 metri lungo il canale principale e pari a 3 metri lungo il canaletto.

Opere pubbliche connesse ai canali

In parallelo alle fasi finali dello scavo dei canali, saranno realizzate le altre opere pubbliche ad essi connesse: i due ponti carrabili sul canale principale e sul canaletto, la nuova rampa sul lato est del Padiglione B e i due nuovi volumi mono-piano a quota banchina di iniziativa pubblica, entrambi ricavati al di sotto dell'attuale quota del piazzale fieristico. Come espressamente richiesto dall'architetto Piano, infatti, le banchine saranno animate dalla presenza di locali destinati a connettivo urbano (negozietti, ristoranti, attività nautiche e così via), in parte di realizzazione pubblica e in parte privata. Il nuovo volume di iniziativa pubblica che si affaccerà sul canaletto, sul lato verso il Palasport, avrà un fronte di più di 150 metri e una profondità di circa 4 metri, mentre quello sul canale principale, adiacente al Padiglione B, avrà un'estensione di circa 220 metri e una profondità di 12 metri. Se la copertura del volume sul canaletto andrà ad ampliare il piazzale pedonale del Palasport, quella dell'edificio lungo il canale principale svolgerà la funzione di nuova viabilità lato nord del padiglione fieristico nonché di accesso alle rampe ovest. Oltre a locali di connettivo urbano, all'interno del volume sul retro del Padiglione B è previsto un nuovo accesso da nord al padiglione fieristico a quota banchina, con relativi servizi e spazi tecnici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuova viabilità, recupero mura storiche e intradosso Sopraelevata

Entro la primavera 2021, compatibilmente con le operazioni private in corso nell'area del Palasport, verrà anche avviata la realizzazione della nuova viabilità interna dell'area Waterfront, che collegherà da ovest a est l'attuale incrocio tra corso Marconi e la Sopraelevata con la Batteria Stella. A partire da una rotatoria prevista all'incirca a metà percorso, si staccherà un tratto di strada in direzione sud di collegamento con il ponte sul canale principale e con la viabilità intorno al Padiglione B. In contemporanea alla viabilità, verranno realizzati gli interventi di recupero delle mura storiche di corso Aurelio Saffi e dell'intradosso della Sopraelevata; verrà inoltre sistemata l'area a nord-ovest della viabilità, situata al di sotto della Sopraelevata, che sarà destinata a parcheggi pubblici a raso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paola Cortellesi è Petra, l'ispettore genovese: «Il mio personaggio non fa la femminista, lo è»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Covid-19, Bassetti: «Con questo virus conviveremo per i prossimi anni»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento