menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Voltri, dai residenti un presidio contro il degrado in spiaggia

Dopo un'estate caratterizzata da veri e propri accampamenti, rifiuti abbandonati e fuochi abusivi, i voltresi si sono dati appuntamento per una manifestazione finalizzata a sollecitare l'intervento delle istituzioni

Basta degrado in spiaggia: dopo un’estate caratterizzata da bivacchi in riva al mare, tendopoli improvvisate, rifiuti abbandonati e persino corse di cavalli in spiaggia, i voltresi hanno deciso di scendere in campo con una manifestazione di protesta programmata per sabato 27 agosto.

L’appuntamento è alle 20.30 davanti alla Pam, da dove i manifestanti si dirigeranno verso la spiaggia: «Tende, fuochi, fumo, ubriachi, sporcizia, musica a palla tutta la notte, bottiglie rotte. Le leggi vanno rispettate e vanno fatte rispettare da tutti, italiani e non», fanno sapere i “voltresi incazzati”, come si sono firmati su Facebook, dove il tam tam si sta espandendo a macchia d’olio.

Le polemiche sul degrado in cui versa l’arenile di Voltri sono cresciute sempre di più nelle ultime settimane, complici le numerose segnalazioni sulla presenza di veri e propri “accampamenti” su uno dei pochi tratti di spiaggia libera del ponente cittadino, lasciata poi in condizioni disastrose da chi trascorre serate all’insegna di musica e alcol e il mattino successivo non raccoglie i rifiuti prodotti.

Sulla questione è intervenuto anche il Municipio VII Ponente, con il presidente Mauro Avvenente che aveva chiesto maggiori controlli da parte della Municipale e della Capitaneria di Porto non soltanto a Voltri, ma anche a Pegli e Multedo: «La popolazione locale è esasperata perché la convivenza con questi soggetti diventa ogni giorno più difficile e complicata e si temono scontri e incidenti che potrebbero degenerare in risse - si legge in una nota - Spesso e volentieri soprattutto nei fine settimana camper e roulotte provenienti dal nord Italia sostano abusivamente nelle strade e nei parcheggi limitrofi alle spiagge trasformandosi in bivacchi notturni e generando a loro volta “rumenta” abbandonata ovunque». 

Ancora in attesa di riscontri da parte dell’amministrazione comunale, i voltresi hanno quindi deciso di dare vita a un presidio di protesta per sollecitare un intervento nei tempi più brevi possibili. Anche se l’estate, ormai, si avvia inesorabilmente al termine. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Invasione di pappagallini, il Comune lancia censimento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento