rotate-mobile
Cronaca

Viticoltura, insediato il primo tavolo per gestire le criticità del settore

"Si sono affrontati diversi argomenti: la siccità, le difficoltà di approvvigionamento dei materiali, le modalità per impiantare un nuovo vigneto, le prospettive per i vigneti storici ed eroici, le procedure di utilizzo dei fondi per investimenti in cantina e promozione nei Paesi terzi", ha spiegato il vice presidente della Regione con delega all’Agricoltura, Alessandro Piana

Proseguono i tavoli tecnici per affrontare dinamicamente le sfide e i problemi dell'agricoltura e dell'allevamento in questa delicata congiuntura. Nella giornata di lunedì 11 luglio si è svolto il primo tavolo sulla viticoltura ligure.

Hanno partecipato le principali realtà aggregative di imprese del comparto (Consorzio di tutela vini Dop e Igp del Levante Ligure, Rete Vite in Riviera, Rete Terre del Moscatello, Enoteca Regionale della Liguria) insieme alle associazioni di Categoria (Cia, Coldiretti e Confagricoltura), all'Irf (Istituto Regionale per la Floricoltura) e agli Uffici regionali, che già collaborano ininterrottamente.

"Abbiamo deciso di settorializzare al massimo le riunioni - spiega il vice presidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura Alessandro Piana - per avere sottomano uno strumento snello e immediato di raccolta delle criticità e dei bisogni sulle specificità del comparto in modo da sburocratizzare le procedure ed essere sempre più reattivi. Si sono affrontati diversi argomenti: la siccità, le difficoltà di approvvigionamento dei materiali, le modalità per impiantare un nuovo vigneto, le prospettive per i vigneti storici ed eroici, le procedure di utilizzo dei fondi per investimenti in cantina e promozione nei Paesi terzi". Il tavolo si riaggiornerà periodicamente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viticoltura, insediato il primo tavolo per gestire le criticità del settore

GenovaToday è in caricamento