Coronavirus: dai sintomi alla presa in carico sino al ricovero, la gestione in Liguria

La Regione e Alisa hanno istituito una task force dedicata e individuato il protocollo da seguire sia per i cittadini sia per gli operatori sanitari: i dettagli

Anche in Liguria è stata attivata una task force di esperti riservata alla gestione dell’emergenza (diventata mondiale, dopo indicazioni dell’Oms) coronavirus. Dopo la conferma dell’arrivo del virus cinese anche in Italia, con i primi due casi a Roma, Regione Liguria e Alisa hanno confermato di avere costituito un team di lavoro che nei giorni scorsi si è  riunito aggiornandosi e adeguandosi alle linee guida dettate dall’Istituto Superiore di Sanità. A coordinarlo Alisa, che ha tracciato la gestione di eventuali casi sin da quando i sintomi dovessero presentarsi.

«Lo sforzo fatto sin da subito è stato quello di ripercorrere i possibili punti di accesso di ipotetici caso di infezione da nuovo coronavirus, e controllare il pericolo di trasmissione - conferma il dottor Filippo Ansaldi, epidemiologo a capo della task force coordinata da Alisa - Come primo riferimento abbiamo preso o medici di medicina generale, che sanno come individuare eventuali casi e come procedere in caso di sintomi preoccupanti».

«Una volta individuato un potenziale caso - prosegue Ansaldi - abbiamo affidato al 118 il paziente ancora caso sospetto, e poi stabilito di inviarli tutti al Policlinico San Martino, hub regionale per quanto riguarda gli adulti, o al Gaslini. Il caso verrebbe confermato soltanto una volta arrivata una seconda conferma anche da parte dello Spallanzani di Roma, centro di riferimento nazionale. Tutti i reparti di malattie infettive sono stati allertati e hanno rivisto i protocolli di accesso per pazienti con malattie a trasmissione aerea o tramite contatto, in caso di incremento dei casi sono in grado di accoglierli e gestirli e utilizziamo un’apposita scheda per le segnalazioni alovello nazionale».

A oggi la Liguria è considerata una regione a rischio moderato: non ci sono volo diretti dalla Cina, e i passeggeri in arrivo all’aeroporto Colombo provenienti da zone a rischio sono comunque controllati negli scali primari collegati direttamente con la Cina o i paesi in cui l’epidemia è diffusa. Roma Fiumicino e Malpensa, dunque, per quanto riguarda l’Italia, e i principali hub europei connessi al Colombo. Nessun rischio di contagio, invece, è stato individuato nelle merci, dato importante tenuto conto del fatto che nel porto di Genova il 22% delle merci in arrivo proviene dalla Cina.

Coronavirus, come riconoscere i sintomi e cosa fare

Il coronavirus ha un ampio spettro di sintomi, caratteristica che influisce moltissimo sul sistema di sorveglianza e la capacità di risposta nel prenderlo in carico. La Mers in Medioriente fece scattare un’emergenza globale, si trasmetteva dai dromedari all’uomo e aveva una letalità molto elevata: in quel caso, la sorveglianza e l’identificazione di casi era più semplice proprio alla luce dei sintomi chiari ed evidenti. Il nuovo coronavirus proveniente dalla Cina, invece, ha sintomi molto vari, da molto moderati, simil influenzali, a polmoniti molto gravi. La circolazione del virus è quindi più facile, perché è più difficile riconoscere e identificare il caso sospetto, confonderlo con un’influenza o di contro aggravare i sintomi di una classica influenza.  

I casi sospetti, come chiarito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono pazienti che presentano sindromi respiratorie gravi, febbre alta, tosse, affaticamento respiratorio e provengono dalla Cina, o sono venuti in contatto con pazienti cui è stato ufficialmente diagnosticato il coronavirus: «Anche se una persona proviene dalla Cina e ha febbre o tosse - specifica però Ansaldi - non è detto che abbia contratto il virus: diventa un caso solo se c’è stato contatto con un caso sospetto e confermato».

Che fare, dunque, se si sospetta un contagio? «Bisogna chiamare il 112 - spiega Ansaldi - gli operatori sono stati formati e sanno esattamente cosa fare. Il sistema sanitario può fare fronte a eventuali contagi senza problemi».

«Non esistono casi segnalati sul territorio regionale - ha ricordato Toti - In aeroporto ci siamo premurati di prendere contromisure, non sbarcano direttamente passeggeri potenzialmente provenienti da aree di contagio, lo screening avviene a Malpensa e Fiumicino, chi arriva a Genova è già stato intercettato e controllato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il ministero della Salute ha dato diversi input e siamo quotidianamente in contatto - ha aggiunto l’assessore regionale alla Sanità, Sonia Viale - in caso di segnalazioni è prevista prima una verifica a livello locale, e poi una seconda verifica dell’Istituto Superiore di Sanità tramite lo Spallanzani di Roma».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento