menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Rosazza risorge con il Russian Ballet College

Il Comune di Genova, nell'ambito del programma di valorizzazione del patrimonio culturale, ha assegnato in concessione trentennale lo storico palazzo alla prestigiosa accademia di danza classica

Dopo anni di gestione da parte della Fondazione Casa America, il Comune di Genova ha assegnato la concessione di Villa Rosazza, lo storico palazzo con sede in piazza Di Negro, al Russian Ballet College, l’accademia di danza classica fondata nel 2008 da Irina Kashkova e Costanzo Tononi.

La concessione, trentennale, si inserisce nel programma di valorizzazione del patrimonio culturale pensato da Tursi per rilanciare alcune tra i più importanti luoghi e ville storiche della città. La villa passerà dunque nelle mani dell’accademia, che pagherà un canone agevolato di 12mila euro annui in cambio di una serie di interventi di restauro e manutenzione per un valore di 770mila euro, lavori che riguarderanno sia gli ambienti esterni sia gli spazi interni e comprendono anche l’efficientamento energetico dell’edificio con conseguente contenimento delle emissioni di anidride carbonica e delle polveri sottili.

«Con questa operazione il percorso di valorizzazione del patrimonio immobiliare del Comune segna un passo in avanti – ha commentato con soddisfazione Emanuele Piazza, assessore alla gestione del patrimonio non abitativo – La forma innovativa del bando di gara, sulla base della concessione di valorizzazione utilizzata per i beni del demanio statale, ha permesso di intercettare un importante investimento privato a beneficio di una villa storica lustro di Genova. In questo caso abbiamo un utilizzo artistico per la danza di altissimo livello, un’eccellenza di questa città. Proseguiremo con valorizzazioni di altri beni per lo sviluppo di imprese innovative e per la socialità. Riutilizzare per queste finalità spazi tolti all’abbandono dà il senso concreto di una città che desidera ripartire e che può riuscirci al meglio». 

Entusiasmo anche da parte di Franco Marenco, presidente del municipio Centro Ovest: «Un altro tassello importante si inserisce nel quadro della rigenerazione urbana di Sampierdarena e San Teodoro. Ringrazio l’amministrazione comunale per essersi tanto impegnata per far sì che la villa e il suo parco siano riqualificati e aperti ai cittadini. In tal senso mi impegnerò a collaborare con i vincitori del bando per organizzare eventi e iniziative in questi spazi che, per la loro bellezza e il loro valore storico, devono essere considerati un patrimonio di tutti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, focolaio all'ospedale Galliera

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento