menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Duchessa di Galliera, una raccolta fondi per rialzarsi dopo la tempesta

Il gruppo di associazioni che gestisce il parco storico lancia un appello per acquistare le piante da mettere a dimora in vista della fioritura primaverile

Piegato, ma non spezzato: anche se la tempesta dello scorso 29 ottobre ha provocato danni incalcolabili al parco storico Villa Duchessa di Galliera di Voltri (quello maggiormente colpito insieme con Villa Durazzo Pallavicini) , dietro i cancelli chiusi in tanti si sono già messi al lavoro per tentare di riparare ai danni causati dal vento.

Un’impresa difficile senza un po’ di aiuto, ed è per questo che Andrea Casalino, presidente dell’Ati Villa Galliera, che ha in gestione il comprensorio, ha lanciato una campagna di raccolta fondi online per contribuire a riportare nel parco le piante e i fiori persi durante la libecciata.

«Molti alberi monumentali e storici sono stati abbattuti e, purtroppo, la caduta di tronchi e il salino hanno danneggiato le collezioni botaniche - spiegano dall’associazione di promozione sociale Sistema Paesaggio, cui fa capo l’Ati - Il Parco, però, è ancora vivo e non ha perso un grammo della propria bellezza». E mentre volontari e studenti del Marsano si danno fare insieme con gli uomini di Aster per intervenire su situazioni che possono ancora rappresentare un pericolo per i visitatori al momento della riapertura, si pensa già a come restituire il parco allo splendore tradizionale.

«Per offrire a tutti - continuano dall’associazione - la possibilità di godere nuovamente delle splendide fioriture primaverili che hanno contribuito a rendere famoso questo Parco, occorre acquistare numerose piante da mettere a dimora nel momento giusto per farle attecchire al meglio», acquisti che comportano costi che a oggi, vista anche le numerose criticità cittadine, il Comune e il Municipio non possono coprire. A soffrire i danni maggiori sono stati infatti il famoso giardino all’italiana restaurato la scorsa primavera e la pineta del santuario, che hanno perso circa una cinquantina di piante, compresi quattro cipressi secolari.

Da qui la decisione di attivare una raccolta fondi tramite bonifico: «Se amate questo grande Parco, che ricordiamo essere, oltre al più esteso parco storico della Liguria, il più grande parco pubblico e gratuito presente a Genova - è l’appello dell’associazione - potete contribuire a sostenere l'acquisto delle tante piante necessarie».

Ecco gli estremi:

Beneficiario: A.P.S. Sistema Paesaggio

Causale: Aiuto per villa Duchessa 2018

Codice SWIFT: BAPPIT21A37

IBAN: IT10 G 05034 01430 000000000 951

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento