Carenza di organico e mezzi: i Vigili del fuoco si incatenano per protesta

Il presidio mercoledì mattina sotto la sede della Rai, in corso Europa: «Siamo in stato di agitazione dal 20 aprile, e nessuno si degna di darci risposte»

Protesta simbolica dei Vigili del fuoco mercoledì mattina sotto la sede Rai, in corso Europa: una decina di pompieri si sono incatenati davanti agli ingressi del palazzo, reggendo cartelli e bandiere del sindacato Usb e sfruttando un megafono per spiegare le ragioni del presidio.

«Siamo solo noi, la dirigenza sindacale Usb, perché i colleghi sono tutti al lavoro, impegnati tra straordinario e ordinario e in generale a tappare i buchi che la politica ha creato in ogni categoria - hanno spiegato i lavoratori - Noi però siamo collegati a sicurezza, salvaguardia e protezione dei cittadini, ed è impensabile che dal 20 di aprile, quando abbiamo dichiarato lo stato di agitazione regionale, a oggi la nostra amministrazione sia rimasta sorda. Sono stati ridotti i numeri presso tutti i distaccamenti della provincia, da 6 unità sono diventate 5. Abbiamo 55 pompieri a fronte di 860mila cittadini: Toti pensa di lavarsi la coscienza tramite convenzioni, ma non risolvono nulla, è solo un tappullo, una pezza che prima o poi si strapperà. Il soccorso è fatto di uomini e mezzi».

I sindacati hanno dunque nuovamente snocciolato i numeri: età media dei pompieri a Genova, 50 anni, età media del parco mezzi, 20 anni un solo vigile del fuoco ogni 16mila abitanti: la carenza di organico e la vetustà dei mezzi restano i nodi principali da sciogliere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«A fine giugno sono 60 gironi dalla dichiarazione di stato di agitazione, e ancora non abbiamo avuto risposte nonostante che tutti ne siano al corrente, dal prefetto al sindaco. Che sa benissimo - sottolineato ancora i sindacati - le condizioni in cui i  Vigili del fuoco devono operare: gli idranti non funzionano, e non già tardi di una settimana fa siamo intervenuti su un incendio e ci siamo ritrovati con 4 idranti fuori servizio. Se è questa la prevenzione che al politica vuole mettere in atto, noi non ci stiamo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Lite fra vicini di casa degenera, due feriti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento