menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alcol a minori, cani liberi e persone ubriache: raffica di multe in centro storico

La polizia locale ha comminato sanzioni e denunce a frequentatori e attività commerciali per vendita di alcol ai minori, ubriachezza molesta, mancato rispetto dell'ordine di allontanamento del questore e lavoro nero

Il reparto Sicurezza Urbana della polizia locale ha effettuato nelle notti tra venerdì e sabato (15-16 novembre) e tra sabato e domenica (16-17 novembre), dalle 19 alle 2 del mattino, il servizio di controllo della 'movida' per individuare i comportamenti scorretti di coloro che frequentano la notte le vie del centro storico mettendo in atto comportamenti illegali o molesti. Sono tre le persone sanzionate per ubriachezza manifesta (102 euro), quattro quelle segnalate alla Prefettura perché consumavano sostanze stupefacenti, tre quelle sanzionate perché sorprese per strada con bottiglie di vetro (200 euro), due quelle segnalate per l'inottemperanza all'ordine di allontanamento di 48 ore dal centro (diviso in due aree).

Inoltre una persona è stata sorpresa nel centro storico dove non doveva essere per decisione del Questore che aveva emesso nei suoi confronti il Dacur,  divieto di accesso a specifiche aree urbane (meglio noto come 'Daspo urbano'). Per questo è stata denunciato. Il Dacur può essere deciso dal Questore nei casi in cui non venga rispettato l'ordine di allontanamento di 48 ore, assegnato dalla polizia locale o dalle forze dell'ordine per illeciti, amministrativi o penali, di ubriachezza, atti contrari alla pubblica decenza, esercizio abusivo del commercio o del parcheggio abusivo. Le due persone 'pizzicate' a non rispettare l'ordine di allontanamento saranno segnalate e proposte al questore per il Dacur. Mentre l'ordine di allontanamento e il mancato ordine di allontanamento portano a sanzioni (gradualmente più elevate), il mancato rispetto del Dacur ha conseguenze penali.

Somministrazione fuori orario e vendita di alcol a minori, sanzioni e denunce

Nei giorni precedenti, l'attività di controllo del Reparto Sicurezza Urbana, del I Distretto Territoriale, del Reparto Giudiziaria e dell'Ispettorato del Lavoro ha portato alla contestazione, a frequentatori della movida, di otto verbali per detenzione bevande in contenitori di vetro, due per ubriachezza manifesta, due verbali per affissione abusiva (308 euro ciascuno). Due cittadini, uno italiano e uno straniero, sono stati sanzionati perché non tenevano il cane al guinzaglio (50 euro).

A tre attività commerciali è stato contestato il mancato possesso possesso di etilometro o mancata affissione tabella effetti alcol (sanzione da 400 euro) e a un negozio il mancato stop alla somministrazione da mezzanotte alle 6 del mattino seguente (sanzione da 6.666,67 euro e segnalazione alla prefettura). Contestata anche una sanzione da 308 euro per omessa esposizione della licenza.

Due esercenti sono stati scoperti a vendere alcol a minori (tra 16 e 18 anni) e sono stati sanzionati (333 euro), mentre uno è stato denunciato per vendita di alcol a minori di 16 anni. L'Ispettorato del Lavoro ha rilevato in un'attività l'irregolarità della tracciabilità dello stipendio dei lavoratori e in un'altra un dipendente irregolare, oltre a due violazioni di carattere penale per la formazione.

Due stranieri sono stato accompagnati in questura perché privi di documenti. All'identificazione sono risultati irregolari e sono stati denunciati per l'inosservanza alle leggi sull'immigrazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento