rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Cronaca Arenzano

La via Aurelia ad Arenzano chiusa con allerta gialla, ponente in rivolta: la lettera dei sindaci

I sindaci di Arenzano e Cogoleto scrivono ad Anas, Regione Liguria, Città Metropolitana di Genova, Prefettura di Genova, Amt e Autostrade per l'Italia. Preoccupazione anche da parte del Municipio Ponente

C'è preoccupazione a ponente per la decisione di Anas di chiudere la via Aurelia ad Arenzano - in zona Pizzo - già con l'allerta meteo gialla. L'area, già teatro di una grande frana nel 2016, è stata nuovamente interessata da uno smottamento giorni fa, ed è stato dunque deciso di chiudere la strada in entrambi i sensi già con allerta meteo gialla e l'inizio delle precipitazioni (prima, le corsie chiudevano solo con allerta arancione e inizio pioggia, oppure rossa).

La lettera dei sindaci

Ma i territori non ci stanno, e i sindaci di Arenzano e Cogoleto - insieme ai relativi assessori alla Viabilità - hanno preso carta e penna e hanno scritto ad Anas, Regione Liguria, Città Metropolitana di Genova, Prefettura di Genova, Amt e Autostrade per l'Italia. 

"Considerato che la condizione di allerta gialla con pioggia - scrivono i sindaci Francesco Silvestrini e Paolo Bruzzone con gli assessori Matteo Rossi e Stefano Damonte - accade con notevole frequenza, soprattutto in questo periodo dell’anno e che tale situazione climatica si puo? associare alle consuete criticita? viabili gravanti sull'unico percorso alternativo rappresentato dall'autostrada Genova-Savona. Occorre infatti considerare gli eventuali e spesso frequenti lavori notturni lungo le tratte autostradali interessate che, come accaduto nei giorni scorsi, ne possono causare la chiusura temporanea. È dunque realistico prevedere che, in tali occasioni, possa concretizzarsi il totale isolamento viabile dei Comuni di Arenzano e Cogoleto in direzione Genova, significando inoltre l’interruzione del servizio di trasporto pubblico su gomma che consente a numerosi lavoratori e studenti di raggiungere quotidianamente le loro sedi occupazionali. Occorre evidenziare infine che tale criticita? viabile comporta l'impossibilita? di raggiungere in breve tempo il Pronto Soccorso dell'Ospedale Evangelico di Genova- Voltri, significando rischio per la salute delle persone".

Le richieste: dall'autostrada gratis all'aumento dei treni

Fatta questa premessa, gli amministratori ritengono indispensabile e urgente che Anas rivaluti le disposizioni interdittive, optando per un senso unico alternato; che venga garantito il transito autostradale gratuito durante la chiusura del relativo tratto di Aurelia; che si preveda lo studio e l'inserimento di corse aggiuntive su rotaia, specialmente nelle ore serali e notturne, soprattutto in occasione della chiusura del tratto stradale; che si colga l'occasione per estendere il biglietto unico integrato nel territorio metropolitano, aumentando le corse verso Genova ed estendendo la partenza e l'arrivo dei treni metropolitani alla stazione di Cogoleto.

Preoccupazione anche dal Municipio Ponente di Genova

I comuni di riviera non sono gli unici a preoccuparsi: Arenzano confina con Vesima e Voltri, parte del Municipio Ponente di Genova, e durante la chiusura della via Aurelia anche parte del ponente cittadino aveva patito. L'interruzione della strada infatti comporta il fatto che si debba passare per l'autostrada, dunque per il casello di Genova Pra', tagliando fuori quasi completamente Voltri e i suoi negozi. 

"C'è tanta gente che fa la spola tra il ponente e Arenzano usando la via Aurelia - dice Manuel Perno, consigliere municipale e portavoce del Municipio Ponente - cito ad esempio i lavoratori dell'area industriale di Vallerone, le tante persone che si spostano in motorino e che non possono prendere l'autostrada, chi non prende la A10 anche per motivi economici. C'è preoccupazione anche da parte nostra, anche il Municipio auspica una veloce risoluzione del problema".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La via Aurelia ad Arenzano chiusa con allerta gialla, ponente in rivolta: la lettera dei sindaci

GenovaToday è in caricamento