Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Sestri Ponente / Via Borzoli

Frane e strade chiuse, la Valpolcevera rivive l'incubo del crollo del Morandi

Il maltempo dei giorni scorsi e le alluvioni in diverse zone del ponente hanno nuovamente messo in ginocchio una zona che, soprattutto dal punto di vista del traffico, era appena tornata a respirare

«È il caos: ora siamo davvero isolati». Antonella Marras, una degli storici portavoce del comitato spontaneo Cittadini di Borzoli e Fegino, sfoga tutta l’amarezza e tenta di mettere in guardia chi, come lei, abita a Borzoli e deve raggiungere altre zone della città: frane e allagamenti dei giorni scorsi hanno costretto alla chiusura di numerose strade, e la Valpolcevera torna a vivere l’incubo post crollo del Morandi, proprio in un periodo in cui, con la riapertura di alcune strade, aveva iniziato a respirare meglio.

Lunedì mattina la polizia Locale ha reso nota la riapertura di via Ferri e via Borzoli, chiuse dalla nottata, ma l’elenco delle strade chiuse resta lungo e le conseguenze sul traffico molto pensati: chiusa via San Quirico, chiuso corso Perrone per l’imponente frana che si è verificata sabato mattina, chiusa l’Aurelia tra Voltri e Arenzano per un’altra frana che si è andata ad aggiungere a quella che già si era verificata e aveva fatto scattare la parziale chiusura, e ancora chiuse via Perlasca (dal ponte Romero in poi) e via 30 Giugno per lavori legati alla costruzione del nuovo ponte.

La conseguenza diretta è che lunedì mattina la coda iniziava già da Pontedecimo e proseguiva sino a ben oltre il ponte di Cornigliano, coinvolgendo gran parte della Valpolcevera in un unico, lungo serpentone. Anche Amt ha dovuto modificare il servizio in zona: la linea 7 è deviata, in entrambe le direzioni, per ponte Forestale e ponte Barbieri, la linea 63 transita in via 30 giugno sia in direzione Sampierdarena sia Pontedecimo, è stato attivato un servizio navetta di collegamento tra corso Perrone e via Bianchi che interscambia con la linea 63. La linea bus 96 non raggiunge Crevari, è retrocessa all’altezza di via Gainotti, la linea 158 è limitata sul percorso piazza Consigliere - via Biancheri, la linea 172 effettua percorso regolare in direzione Panigaro, in direzione Sestri percorre via Arrivabene, piazza Consigliere, via Santa Maria della Costa e piazza Baracca. Fermo, per le condizioni del mare, anche il servizio Navebus.

«Chi non è costretto non prenda l'auto e vada in treno», è uno dei consigli che rimbalzano da una bacheca all'altra. Peccato che anche i treni abbiano le loro criticità, soprattutto quelli diretti verso Acqui Terme e Ovada, che viaggiano a velocità ridotta (meno di 30 km/h): «Ritardi enormi - confermano i pendolari - sono partito alle 6 da Brignole e alle 8 non ero ancora arrivato a Ovada».

E si tratta, ovviamente, soltanto della punta dell’iceberg: «Sono caduti oltre 1700 mm di pioggia in certe zone, in generale in pochi giorni è caduto ilm 25% della pioggia che mediamente cade in un anno», hanno fatto sapere da Arpal, giustificando in parte perché tutto il territorio genovese e della provincia sia ferito, martoriato da una pioggia incessante che è caduta per ore e giorni consecutivi senza stop e ha inzuppato il terreno causando frane, cedimenti dell’asfalto, crepe, smottamenti. 

Il caso più emblematico sicuramente quello del viadotto dell’A6, tra Savona e Altare, crollato domenica pomeriggio perché investito da una frana, cui si aggiungono le voragini sull’A21, vicino a Villanova d’Albenga, e quelle in A10,  tra Varazze e Arenzano in direzione Genova dove, due distinti smottamenti che hanno trascinato detriti in carreggiata. In questo caso Autostrade per l’Italia prevede di ripristinare la viabilità entro la giornata di lunedì, nel frattempo restano chiusi l'ingresso da Varazze per Genova - per cui si consiglia in alternativa l'entrata ad Arenzano - e l'uscita ad Arenzano provenendo da Savona con consiglio di uscire a Varazze e raggiungere Arenzano tramite l’Aurelia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frane e strade chiuse, la Valpolcevera rivive l'incubo del crollo del Morandi

GenovaToday è in caricamento