Viabilità nel caos, la Valle Stura dice basta e scende in piazza: presidio al casello di Masone

Residenti e sindaci delle vallate si sono dati appuntamento sabato 4 luglio per una protesta pacifica: «Situazione insostenibile»

Una manifestazione al casello di Masone, chiuso per frana sino al 6 luglio (con l’unica eccezione dei mezzi di soccorso, per cui è stato ricavato un bypass) per dire basta a una viabilità ormai senza regole che ha letteralmente soffocato la vallata.

L’iniziativa è dei sindaci e di cittadini delle valli Stura, Orba, Leira e Basso Piemonte, e l’appuntamento è per sabato 4 luglio alle 9: «Una manifestazione pacifica per dire che non è più tollerabile la situazione della viabilità autostradale e provinciale che perdura ormai da mesi ed è in continuo peggioramento - fanno sapere gli organizzatori - per non narrarle della quasi totale assenza di un trasporto pubblico efficiente».

I sindaci hanno già dato la propria adesione all’iniziativa: «Questa manifestazione servirà a dare visibilità al disagio che ormai tutti stiamo condividendo da troppo tempo - ha detto il sindaco di Campo Ligure, già alle prese con le difficili operazioni di rimozione dell’ordigno bellico trovato sotto il ponte della ferrovia -Noi come amministrazione saremo in prima linea per dare voce alla Valle Stura e al nostro Comune. Invitiamo l'intera popolazione a partecipare».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • Morta in un incidente, raccolta fondi per la famiglia di Alessandra Parente: donati gli organi

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

Torna su
GenovaToday è in caricamento