Prova il fucile prima di spararsi, fermato in tempo

Una persona è stata salvata dai carabinieri Forestali in località Gorra nel comune di Valbrevenna. Imbracciava un fucile a pompa carico con il colpo in canna

Immagine di repertorio

Venerdì 5 ottobre 2018 alle ore 14 circa, i militari del comando stazione carabinieri Forestali di Montoggio, durante lo svolgimento di servizio antibracconaggio nelle campagne di località Gorra di Valbrevenna, hanno sentito uno sparo e notato un fuoristrada parcheggiato. Procedendo a una breve perlustrazione si sono avvicinati a una persona, credendola un bracconiere, che immediatamente è apparsa in stato confusionale, seduta mentre imbracciava un fucile a pompa carico con il colpo in canna.

I militari, vista la situazione di pericolo, hanno accerchiato la persona, bloccando il fucile, e successivamente disarmandola. Avvisata la centrale operativa sono intervenuti a supporto una pattuglia dei carabinieri di zona e un'ambulanza del 118.

Dagli accertamenti i militari hanno trovato anche un foglietto con le ultime volontà all'interno del fuoristrada parcheggiato in una radura a bordo strada. Da quanto verificato, la persona, con regolare porto d'armi a uso sportivo, ha acquistato il fucile due ore prima e aveva sparato un solo colpo per provare la nuova arma.

Alla base del tentativo vi sarebbero motivazioni di carattere familiare. La persona dopo accertamento psichiatrico è stata ricoverata presso struttura sanitaria idonea. I carabinieri hanno proceduto inoltre al ritiro precauzionale dell'arma e del porto d'armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Allerta meteo, fulmine spegne la Lanterna. Neve e frane nell'entroterra

Torna su
GenovaToday è in caricamento