rotate-mobile
Cronaca Cornigliano

Profughi ucraini a Genova: vaccini, psicologi e ambulatori a Villa Bombrini

Il piano di Asl 3 per aiutare chi scappa dalla guerra e arriva a Genova, anche il Gaslini è impegnato per portare in Italia alcuni bambini malati

Grande dispiegamento di forze per far fronte all'emergenza in Ucraina dopo l'invasione della Russia. L'ospedale Gaslini e Asl 3 hanno spiegato, nel pomeriggio di giovedì 3 marzo, tutte le iniziative partite e pronte a partire per dare un aiuto concreto.

Ucraina, l'impegno del Gaslini per offrire cure ai bambini

Il direttore generale dell’ospedale Gaslini Renato Botti ha spiegato: "Siamo già presenti con il nostro responsabile della terapia intensiva e pediatrica Andrea Moscatelli nella citta di Resovia, nella pre-Carpazia a 90 chilometri dal confine con l'Ucraina e i primi bambini che necessitano di assistenza sono oncologici. Sono stati trasferiti da Kiev con un viaggio in treno di 19 ore perché le strade non sono praticabili e ci sonio le persone ammassate sulle strade. I primi sei sono già arrivati in Italia e ora ne dovrebbero arrivare altri sei con i genitori. Questa operazione è stata fatta in collaborazione con gli amici di Areu (Azienda regionale emergenza urgenza) della Lombardia". 

Ucraina, padre Tarasenko: "Presto con gli aiuti, la gente ha fame, sete e dorme nei sotterranei"

"Con la protezione civile - spiega ancora Botti - abbiamo dato disponibilità di medicinali e posti letto. Immediatamente sono undici, uno in terapia intensiva, uno in sub-intensiva e nove di degenza ordinari orientati sull'ambito oncologico, questa sembra infatti la prima necessità, segue quella dialitica. Rimaniamo a disposizione per potenziare ulteriori interventi che potranno essere messi in essre per aiutare i bambini dell'Ucraina".

Ha preso poi la parola il direttore generale della Asl 3 genovese Luigi Carlo Bottaro: "Abbiamo un sistema di gestione di emergenza-urgenza già collaudato - ha spiegato - in questo caso si tratta di un lavoro anche di tipo preventivo". 

Ucraina, le iniziative di Comune e Regione: alloggi, conto corrente per donazioni e aiuti

"Dobbiamo inquadrare queste persone dal punto di vista infettivo - ha aggiunto il direttore della Asl 3 - e abbiamo già iniziato l'attività di screening con le prime persone arrivate dall'Ucraina valutate a Villa Bombrini. Bisogna capire a che punto siamo con le vaccinazioni dell'obbligo, come morbillo o antipolio, inoltre abbiamo a che fare con persone integre dal punto di vista fisico, ma che potrebbero avere bisogno di supporto psicologico ed eventualmente psichiatrico. Per questo come Asl 3 abbiamo messo a disposizione, insieme al Comune, i cosiddetti 'psicologi dell'emergenza' che affiancheranno gli operatori presso il centro di Villa Bombrini. Attualmente abbiamo numeri bassi, ma abbiamo già raccolto la disponibilità di Società per Cornigliano e della Culmv se in futuro andranno a crescere in maniera importante. Anche l'ordine dei Cavalieri di Malta si è affiancato con le proprie dotazioni". 

"Attualmente a Villa Bombrini - ha concluso sono già operativi tre ambulatori medici, tre gestiti da assistenti sanitari e sociali e sono anche presenti sul posto tre mediatori culturali, si tratta di tre operatori sanitari che parlano la lingua ucraina e possono aiutare queste persone a sentirsi, per quanto possibile, un po' più a casa. Rimaniamo a disposizione con tutti i nostri ospedali se ce ne sarà bisogno in futuro". 

Parte da Brignole il primo tir di aiuti per l’Ucraina, dopo la raccolta nella chiesa di Santo Stefano

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi ucraini a Genova: vaccini, psicologi e ambulatori a Villa Bombrini

GenovaToday è in caricamento