menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ubriaca a scuola a 17 anni, ragazza rischia il coma etilico

Salta le prime due ore di scuola e arriva all'istituto in evidente stato di ebbrezza, dando di matto è stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine e dei genitori della diciassettenne

Genova - Ubriaca alle dieci del mattino, il fatto di per sé non rappresenterebbe una notizia, se non fosse che la persona in questione abbia 17 anni, sia arrivata a scuola in evidente stato di ebbrezza dopo aver saltato le prime due ore di lezione e abbia resistito all’intervento prima del personale scolastico, poi della polizia, con un tasso alcolico in corpo vicinissimo alla soglia del coma etilico.

L’episodio è accaduto lo scorso 24 settembre, lei, giovane figlia di una coppia di sudamericani, aveva iniziato a bere dalle prime ore del mattino. Dirigendosi verso scuola con un tasso alcolico altissimo importunava i passanti che vedendola in condizioni di difficoltà cercavano di darle una mano.

La diciassettenne è arrivata a scuola del centro genovese alle dieci, dopo aver saltato così le prime due ore di lezione. Visto lo stato d’allarme sono dovuti intervenire i poliziotti del Commissariato di Pré ai quali la ragazza non ha voluto fornire le generalità.

Per questo ci ha pensato il personale scolastico, che ha chiamato i genitori della ragazza. La mamma intervenuta ha chiesto scusa per il “disturbo”, ma è stata ripresa dalle forze dell’ordine che le hanno richiesto maggior attenzione nei confronti della figlia, multata dalla polizia per ubriachezza molesta.

Un ubriachezza che per poco non portava la ragazza in coma etilico, un episodio allarmante che deve far riflettere sui rischi che corrono questi ragazzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento