Cronaca

«Controllo i caloriferi», intanto il complice svuotava la casa

La Squadra Mobile ha arrestato un truffatore di 30 anni che si era reso protagonista di numerosi episodi tra Genova, la Lombardia, il Veneto e il Piemonte

Un truffatore di anziani è stato fermato dalla polizia grazie ad un'operazione messa a segno dalla Squadra Mobile che aveva avviato un'indagine serrata coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova a seguito delle numerose segnalazioni di truffe presso abitazioni di persone in età avanzata, sempre con lo stesso modus operandi. 

Secondo quanto hanno ricostruito gli agenti un uomo di 30 anni di origini piemontesi, F.B., si presentava nelle case spacciandosi per un tecnico addetto al controllo delle valvole di sicurezza dei caloriferi e, dopo aver catturato la fiducia delle vittime, si faceva indicare i luoghi dove erano custoditi beni e monili che, a suo dire, avrebbero interferito con le apparecchiature rilevatrici in suo possesso. A quel punto un complice si intrufolava in casa per rubando gli oggetti di valore per poi fuggire.

L’attività investigativa è stata supportata anche dagli elementi rilevati dalle analisi della Polizia Scientifica che hanno consentito al Gip l’emissione di una misura cautelare in carcere. Il truffatore, dedito esclusivamente a qesta tipologia di reati, è stato bloccato dagli agenti della Mobile di Genova unitamente ai colleghi di Torino ed è sospettato della commissione di un elevato numero di episodi analoghi sia a Genova che in altre regioni, soprattutto Piemonte, Lombardia e Veneto. A questo punto le forze dell'ordine stanno dando la caccia al suo complice. 

La Questura di Genova, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria che ha consentito a fini investigativi la diffusione dell’immagine dell’arrestato, invita tutti i cittadini a diffidare di chiunque si presenti come tecnico di società del gas o di erogazione di servizi senza preventivo e documentato appuntamento, chiedendo di accedere all’interno dell’abitazione. Tali accessi vengono infatti preventivamente pianificati in occasione di specifiche riunioni condominiali. Qualsiasi azione sospetta può essere immediatamente segnalata alle forze dell'ordine utilizzando il nuovo numero di emergenza unico 112.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Controllo i caloriferi», intanto il complice svuotava la casa

GenovaToday è in caricamento