menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tigullio: i furbetti dell'Isee, omissioni per ricevere vantaggi

Trentasette nuclei familiari, dodici di loro appartenenti a imprenditori benestanti, sono stati trovati irregolari dalla Guardia di Finanza in seguito ai controlli sull'Isee

I "furbetti" dell'Isee, in 37 nel Tigullio ora sono nei guai. La Guardia di Finanza ha infatti scoperto 37 persone irregolari, o meglio, nuclei familiari irregolari, al termine di 50 verifiche effettuate nei giorni scorsi.

Le irregolarità sono state segnalate all'autorità giudiziaria e riguardano famiglie che hanno fruito di erogazioni gratuite o con trattamento di vantaggio di cui non avevano effettivamente diritto, riducendo conseguentemente le risorse disponibili per i cittadini che realmente versano in condizioni di maggior bisogno. Dai controlli è emerso che il 75% di questi erano dichiarazioni irregolari, concentrate maggiormente tra Chiavari, Lavagna e l'entroterra. Tra queste famiglie, anche 12 di imprenditori benestanti.

Le fiamme gialle, guidate dal capitano Cosimo Schina, si sono fatti consegnare gli elenchi dai Comuni e dalla Asl e hanno selezionato i casi "sospetti". Il metodo più utilizzato per mettere in atto la truffa è stata l'omissione, in tutto o in parte, dei redditi percepiti dal nucleo familiare per il calcolo dell'indice Isee o per la richiesta dell'esenzione dal ticket sanitario. Ai trasgressori sono state contestate sanzioni pecuniarie per quasi 27.000 euro, oltre al rimborso del controvalore delle prestazioni pubbliche indebitamente fruite per oltre 16.000 euro, che dovranno essere restituiti agli Enti erogatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento