rotate-mobile
Cronaca

Anziani truffati con la tecnica del 'finto parente': un arresto

Arrestato dai carabinieri un 35enne tedesco ritenuto il responsabile di sei truffe tra Genova e Alassio, denunciata anche una complice

Truffe agli anziani con la tecnica del 'finto parente'. Al termine di  una complessa indagine i carabinieri del nucleo investigativo genovese hanno raccolto gravissimi indizi di colpevolezza nei confronti di un 35enne tedesco, ritenuto il responsabile di sei truffe aggravate tra i mesi di luglio e ottobre del 2021.

I militari hanno quindi eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Genova per il reato di truffa in concorso. L’uomo, utilizzando la cosiddetta tecnica del 'finto parente', con la complicità di una giovane ragazza che è stata denunciata, è ritenuto il responsabile di sei episodi andati in scena tra Genova e Alassio. 

I militari, nel corso della perquisizione, hanno proceduto al sequestro di 10 telefoni cellulari, circa duemila euro in contanti e 150 franchi svizzeri, presumibilmente provento dei reati. L'uomo è stato portato nel carcere di Marassi.

La tecnica del 'finto parente'

Il modus operandi utilizzato per l’esecuzione di queste truffe con la tecnica denominata 'del finto parente' prevede un preventivo contatto telefonico con le persone anziane a cui viene fatto credere di essere un parente che richiede con urgenza denaro e gioielli per coprire spese legali conseguenti ad incidenti stradali o per acquistare costosi medicinali per guarire dal covid o per pagare costose cure mediche improvvise. Ovviamente si tratta di una truffa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziani truffati con la tecnica del 'finto parente': un arresto

GenovaToday è in caricamento