Maltempo, continua la conta dei danni dopo la tromba d'aria. Treni nel caos per tutta la settimana

Nervi e il Golfo Paradiso i più devastati dalla forza distruttiva del vento, con decine di abitazioni distrutte. Circolazione ferroviaria ripresa in entrambi i sensi, ma un binario resta inagibile

Dopo un weekend soleggiato in cui le operazioni di soccorso e messa in sicurezza hanno potuto progredire senza intoppi, la distruzione provocata dalla tempesta che si è abbattuta sulla Liguria, con particolare violenza sul levante genovese, sul Tigullio e sul Golfo Paradiso, appare ancora più desolante.

Centinaia gli interventi che vigili del Fuoco e volontari della Protezione Civile hanno effettuato nelle ultime 48 ore, concentrati soprattutto nel Golfo Paradiso e a Nervi e a Sant’Ilario, dove il fenomeno del downburst, lo “scontro” di fronti di aria fredda e calda al largo delle coste genovesi che ha provocato una sorta di tromba d'aria, ha abbattuto decine di alberi e scoperchiato i tetti di numerose abitazioni: ancora oggi i lavori proseguono febbrilmente, e sono decine i vigili del fuoco e i volontari al lavoro, impegnati in sopralluoghi per verificare l’agibilità e la sicurezza delle abitazioni e coprirle con teloni, oltre che a rimuovere e tagliare alberi e rami crollati su case, auto e strade. Sempre a Nervi sono stati chiusi la passeggiata Anita Garibaldi e i parchi, devastati dalla forza del vento, stessa sorte toccata anche al comprensorio del parco di Portofino, dove i sentieri sono off limits per consentire le operazioni di rimozione della vegetazione.

VIDEO | La violenza della tromba d'aria a Quinto e a Nervi

Situazione critica anche nell’entroterra, soprattutto a Bargagli e Davagna, dove numerose abitazioni sono rimaste per diverse ore senza corrente elettrica, e a Uscio, dove la scuola materna resta chiusa per consentire i lavori di messa in sicurezza del tetto, distrutto dal crollo di un gigantesco cipresso già rimosso dai Vigili del Fuoco. A Sori, dove i cavi dell’elettricità sono stati danneggiati dagli alberi caduti, è invece tornata la corrente dopo una domenica di lavori a ritmo serrato da parte dei tecnici di Enel, mentre a Recco sono almeno un centinaio le case danneggiate, con una decina di famiglie sfollate che hanno trovato una sistemazione temporanea da amici e parenti.

Disagi permangono anche sulla linea ferroviaria, praticamente paralizzata per l’intera giornata di venerdì e sabato: la circolazione in entrambe le direzioni (verso Brignole e verso Sestri Levante) è stata ripristinata domenica, ma Ferrovie dello Stato ha fatto sapere che il terzo binario di Nervi, quello su cui transitano i treni urbani che percorrono la tratta Voltri - Nervi, è ancora inagibile. I lavori proseguiranno per tutta la settimana, e sono dunque quasi scontati i ritardi e le cancellazioni. Per quanto riguarda i treni metropolitani, Fs ha reso noto che per alcuni il capolinea verrà spostato a Recco, mentre altri fermeranno la corsa alla stazione di Quarto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • La 'movida' violenta di Priaruggia, residente aggredito da ragazzini ubriachi

  • Giovani turisti lombardi devastano Moneglia

  • Aster assume, indetti tre nuovi bandi: come partecipare

  • Cerca di strangolare la fidanzata e devasta un locale: arrestato

Torna su
GenovaToday è in caricamento