Quattro nuove squadre di controllori sui treni regionali

Trenitalia intensifica la lotta all'evasione da parte dei passeggeri. Una trentina di agenti sono entrati in servizio sui treni regionali per controllare i biglietti

Da oggi circa trenta agenti, provenienti anche da altre regioni, divisi in quattro squadre, contrasteranno il fenomeno dei viaggiatori senza biglietto sui treni regionali. L'attività, già avviata con successo negli scorsi mesi in Liguria e in tutte le altre regioni italiane, prevede il coinvolgimento di un pool nazionale di agenti Trenitalia, che ogni settimana opera in una diversa realtà regionale in affiancamento a un pool locale, che resterà sempre attivo nel proprio territorio.

Ogni gruppo è formato da almeno cinque agenti, specificamente professionalizzati, che si muoveranno insieme in stazione e a bordo treno, che verificano il possesso e la regolarità del biglietto o dell'abbonamento. La contemporanea presenza di più agenti renderà più veloci ed efficaci i controlli e servirà da deterrente per le eventuali reazioni aggressive.

Anche con questo recupero di risorse - precisa Trenitalia - sarà possibile proseguire il percorso di ammodernamento e potenziamento della flotta regionale già avviato.

Comprare un biglietto ferroviario è sempre più facile e veloce. Solo in Liguria, oltre ai canali di vendita diretta, sono 126 le emettitrici automatiche che consentono l'acquisto di tutti i titoli di viaggio, dalla corsa semplice all'abbonamento, su ogni categoria di treno, dal Regionale alle Frecce che si aggiungono ai 1.930 punti vendita autorizzati da Trenitalia alla vendita.

Non solo. I biglietti per viaggi con treni regionali, al pari di quelli per le Frecce, possono essere acquistati anche on line dal sito trenitalia.com o tramite l'applicazione Trenitalia direttamente da smartphone e tablet con pochi rapidi passaggi fino a cinque minuti prima della partenza. Mostrando al personale di controllo il file ricevuto sul proprio pc, smartphone o tablet, non sarà nemmeno indispensabile stamparli.

«La lotta al portoghesismo - commenta l'assessore regionale ai Trasporti Gianni Berrino - è fondamentale non solo per il recupero di risorse che possono essere reinvestite nei servizi, ma anche per il raggiungimento di un sempre maggior grado di sicurezza percepita da parte dei viaggiatori, pendolari e turisti, quindi un più elevato standard di qualità».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

Torna su
GenovaToday è in caricamento