Treni, da giovedì riaperte due linee bloccate dal crollo del Morandi: come cambia la circolazione

La Sommergibile, dedicata alle merci in porto, e la Bastioni, riservata ai passeggeri della tratta Acqui/Ovada e Busalla/Arquata Scrivia via Sampierdarena/Rivarolo, tornano in funzione

Si sblocca almeno in parte la viabilità ferroviaria compromessa dal crollo del ponte Morandi: giovedì 4 ottobre è confermata la riapertura delle due linee che passavano proprio sotto il ponte, la Bastioni (riservata al trasporto passeggeri) e  la Sommergibile, destinata al trasporto delle merci in porto.

Ferrovie dello Stato aveva iniziato a lavorare alla rimozione dei detriti non appena la procura aveva disposto il dissequestro dell’area: la circolazione riprenderà dalle prime ore di giovedì su due delle tre linee sospese al traffico dal 14 agosto, garantendo il trasporto delle merci e il collegamento via treno per i viaggiatori della tratta  Acqui/Ovada e Busalla/Arquata Scrivia via Sampierdarena/Rivarolo.

Rimane invece sospes la linea “Sussidiaria, il cui ripristino potrà avvenire solo al termine dell’iter di messa in sicurezza/demolizione della parte spezzata del viadotto autostradale Morandi che sovrasta la linea stessa.

Saranno quindi 82 i treni regionali per i collegamenti diretti via ferrovia, senza più dover cambiare mezzo di trasporto:

- 26 sulle linea Genova - Acqui Terme

- 24 sulla linea Genova - Rivarolo - Busalla, di cui 6 con capolinea a Genova Piazza Principe invece che Brignole)

- 32 sulla linea Genova - Arquata - Novi Ligure.

Ripartono anche i collegamenti merci da e per il porto di Genova che saranno programmati e modulati in base alle esigenze commerciali e di disponibilità delle linee. Confermati, inoltre, i quattro collegamenti straordinari già attivi nei giorni feriali fra Savona e Genova e i 14 fra Savona e Sestri Levante nelle giornate di sabato e nei festivi. 

Per i primi sei giorni dopo la riattivazione, fino a martedì 9 ottobre, i treni percorreranno il tratto interessato dai lavori con un rallentamento di velocità a 30 km/orari che determinerà lievi allungamenti dei tempi di viaggio non previsti negli orari pubblicati.

Ferrovie dello Stato ha reso noto che per adattare tutta l’offerta programmata e attiva prima del 14 agosto ai soli due binari due binari disponibili in attesa della Sussidiaria, gli orari dei collegamenti ferroviari da e per il nodo di Genova saranno modificati, con variazioni dei tempi di viaggio e di fermata in alcune stazioni. L’azienda ha però assicurato che i treni avranno il maggior numero di carrozze in composizione per offrire quanti più posti possibili. 

Gli interventi di ripristino 

Per riattivare le linee ferroviarie compromesse dal crollo del Morandi, Rete Ferroviaria Italiana ha realizzato una serie di interventi di ripristino avviati il 15 settembre, che hanno visto impegnati circa sessanta maestranze suddivise in turni operativi 24 ore su 24. 

Nel dettaglio, così come disposto dalla Protezione civile, è stata realizzata una nuova barriera di protezione lunga 70 metri e alta 8 metri (nella parte bassa con blocchi prefabbricati e nella parte alta con rete paramassi) che garantirà la ridefinizione dei confini della zona rossa escludendo le linee ferroviarie. 

Sono stati rinnovati 300 metri di binari (massicciata, traversine e rotaie) danneggiati dal crollo, la linea di alimentazione elettrica dei treni, i cavi e parte dei sostegni di una delle due reti di alimentazione danneggiate oltre al rinnovo degli impianti di segnalamento e telecomunicazione. Inoltre sono state attivate tre utenze telefoniche GSM che agevoleranno le attività delle squadre di lavoro in zona rossa e le comunicazioni con la gestione dei sensori installati sul viadotto autostradale Morandi. Infine, sarà installato un impianto di videosorveglianza, con dieci videocamere ad alta definizione, per la supervisione delle aree di interesse che rimarranno attive fino alla completa messa in sicurezza della zona rossa.

Servizio navette scolastiche, come cambia

Partiranno da giovedì 4 ottobre anche alcune modifiche al piano di emergenza per la scuola varato da Regione Liguria e dal Comune di Genova per garantire la continuità didattica agli studenti coinvolti nel blocco della viabilità a seguito del crollo di ponte Morandi.

Lo comunica l’assessore alla Formazione di Regione Liguria Ilaria Cavo, dopo il monitoraggio del servizio navette per gli studenti delle scuole superiori, attivate nell’ambito del “piano emergenza scuola”. Le linee interessate dalle modifiche riguardano l’Alta Valpolcevera (partenza da Sant’Olcese, Mignanego, Campomorone e Serra Riccò) e la Valle Stura (partenza da Rossiglione).

Per tutte le altre corse delle navette delle scuole superiori (recanti tutti il logo “ripartiamo dalla scuola”), così come per tutte le altre misure attuate dal piano (ovvero il servizio personalizzato per gli studenti evacuati e le 12 corse scuolabus attivate per gli studenti più piccoli, fino alla terza media) non ci sarà alcuna variazione.

Le parziali rimodulazioni del servizio sono state concordate a seguito della riapertura delle linee ferroviarie Sommergibile e Bastioni che permetteranno il collegamento diretto via ferro della Val Polcevera e della Valle Stura con la stazione di Sampierdarena. Il nuovo prospetto è frutto di elaborazione di orari e coincidenze fatto da Atp con la collaborazione degli Uffici Viabilità di Regione Liguria.

Queste nel dettaglio le modifiche:

- Linea Campomorone (denominata S1)

Rimane invariato l’orario delle prima corsa del mattino, confermata alle ore 6:35 da Ponte Ferriera con destinazione Pontedecimo FS (06:47) per permettere la coincidenza con il treno (21137) in partenza da Pontedecimo alle 06:54 con arrivo a Sampierdarena alle 07:14 e arrivo a Principe alle 07:22.

La seconda navetta partirà invece alle ore 07:00 (anziché alle 06.50, come precedentemente previsto) con arrivo a Pontedecimo alle 07:12 per permettere la coincidenza con il treno (21139) in partenza da Pontedecimo alle 07:24 con arrivo a Sampierdarena alle 07:44 e arrivo a Principe alle 07:52.

La terza navetta partirà alle ore 07:10 e arriverà a Pontedecimo FS alle 07:22 per permettere la coincidenza con il treno 21109 in partenza da Pontedecimo alle 07:33 con arrivo a Sampierdarena alle 07:54 e arrivo a Principe alle 08:02. La navetta proseguirà fino a Piazza Brin con arrivo alle 07:47.

- Linea Mignanego (denominata S2)

La prima navetta partirà alle ore 06:25 (anziché alle 06.20, come precedentemente previsto) con arrivo a Pontedecimo alle 06:45 per permettere la coincidenza con il treno (21137) in partenza da Pontedecimo alle 06:54 con arrivo a Sampierdarena alle 07:14 e arrivo a Principe alle 07:22.

La seconda navetta partirà alle ore 06:55 (anziché alle 06.40, come precedentemente previsto) con arrivo a Pontedecimo alle 07:15 per permettere la coincidenza con il treno (21139) in partenza da Pontedecimo alle 07:24 con arrivo a Sampierdarena alle 07:44 e arrivo a Principe alle 07:52.

La terza navetta partirà alle ore 07:05 (anziché alle 07:00, come precedentemente previsto) e arriverà a Pontedecimo FS alle 07:25 per permettere la coincidenza con il treno 21109 in partenza da Pontedecimo alle 07:33 con arrivo a Sampierdarena alle 07:54 e arrivo a Principe alle 08:02.

- Linea Serra Riccò (denominata S3)

La prima navetta partirà alle ore 06:20 (anziché alle 06.25, come precedentemente previsto) con arrivo a Bolzaneto alle 06:50 per permettere la coincidenza con il treno (21137) in partenza da Bolzaneto alle 06:59 con arrivo a Sampierdarena alle 07:14 e arrivo a Principe alle 07:22.

La seconda navetta partirà alle ore 06:45 con arrivo a Bolzaneto alle 07:15 per permettere la coincidenza con il treno (21139) in partenza da Bolzaneto alle 07:29 con arrivo a Sampierdarena alle 07:44 e arrivo a Principe alle 07:52.

La terza navetta partirà alle ore 07:00 e arriverà a Bolzaneto alle 07:20 per permettere la coincidenza con il treno 21109 in partenza da Bolzaneto alle 07:40 con arrivo a Sampierdarena alle 07:54 e arrivo a Principe alle 08:02.

- Linea Sant’Olcese (denominata S4)

Cambia l’orario delle prima corsa del mattino, riprogrammata alle ore 6:05 con arrivo a Bolzaneto alle 06:45 per permettere la coincidenza con il treno (21137) in partenza da Bolzaneto alle 06:59 con arrivo a Sampierdarena alle 07:14 e arrivo a Principe alle 07:22.

La seconda navetta partirà alle ore 06:35 con arrivo a Bolzaneto alle 07:15 per permettere la coincidenza con il treno (21139) in partenza da Bolzaneto alle 07:29 con arrivo a Sampierdarena alle 07:44 e arrivo a Principe alle 07:52.

La terza navetta partirà alle ore 06:50 e arriverà a Bolzaneto alle 07:30 per permettere la coincidenza con il treno 21109 in partenza da Bolzaneto alle 07:40 con arrivo a Sampierdarena alle 07:54 e arrivo a Principe alle 08:02.

- Linea Valle Stura (denominata S6)

Con la riapertura della linea ferroviaria è possibile raggiungere Genova direttamente con i treni in partenza da Rossiglione alle 05:49 (n° 6051), alle 06:34 (n° 6053), alle 07:36 (n° 6055) e alle 08:04 (n° 6057). Gli orari di arrivo alla stazione di Sampierdarena sono rispettivamente alle 06:36 (n°6051), alle 07:21 (n° 6053), alle 08:20 (n°6055) e alle 08:37 (n°6057).

In aggiunta al servizio ferroviario rimarranno attive le navette S6 in partenza da Rossiglione alle ore 06:10, 06:15 e 06:30, con arrivo a Voltri FS rispettivamente alle ore 06:55, 07:00 e 07:15. Dalla stazione di Voltri sarà possibile usufruire del servizio ferroviario in direzione Principe con servizi cadenzati entro i 15 minuti dalle 07:20 alle 08:36.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Invasione di formiche in casa: come combatterla con metodi naturali senza uscire di casa

  • Coronavirus: in Liguria 3.772 positivi e 595 morti. Scendono i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
GenovaToday è in caricamento