menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treni: aumento delle tariffe, ma non verranno tagliati i 10 regionali

Aumento del 10% sul costo del biglietto, ma al momento non è stato deciso il taglio dei 10 treni regionali previsti in un primo momento nella manovra. "Se non arriveranno risorse taglieremo ad aprile" ha dichiarato Vesco

La Giunta regionale ha approvato una manovra di aumento tariffario dei treni regionali per far fronte al taglio di risorse statali dedicate al trasporto. A partire dal 1 gennaio 2012 è previsto un aumento delle tariffe ferroviarie regionali pari al 10% del biglietto di corsa semplice e al 5% per gli abbonamenti.

Il preannunciato taglio di 10 treni regionali per un ammontare complessivo di 4,5 milioni di euro non avverrà. “Abbiamo deciso di dare un’ulteriore prova di fiducia al Governo Monti – spiega l’assessore regionale, Vesco – alla luce anche delle iniziative assunte dal presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani che tra le sette priorità da sottoporre al Governo ha indicato al primo punto il Tpl”.

La Giunta ha dunque deciso di soprassedere rispetto all’eliminazione di alcuni convogli. “I tagli non sono scongiurati – continua Vesco – se non arriveranno le risorse saranno decisi entro la fine di febbraio per essere attuati il 1 aprile”. E’ questo infatti il termine ultimo entro il quale decidere se mantenere l’attuale livello di servizio o procedere invece ad un ridimensionamento.

“Siamo in attesa di capire – continua l’assessore Vesco – se il nuovo Governo deciderà di reintegrare il fondo nazionale per il trasporto ferroviario decurtato di 1,7 miliardi che, per la Liguria, equivale a circa 70 milioni di euro in meno. In caso contrario saremo costretti ad attuare una manovra pesante, perché il bilancio regionale non può reintegrare quanto il Governo ha tagliato”.

Sempre in Giunta è stata confermata la validità della Carta Tuttotreno dopo le proteste dei pendolari della scorsa settiumana, la Carta aumenta passando da 150 a 180 euro, ma senza fasce chilometriche. “Inoltre – aggiunge l’assessore – abbiamo concordato con Trenitalia per consentire il suo utilizzo anche sui treni Frecciabianca, cioè 4 treni Eurostarcity velocizzati, due da Genova a Roma e due da Roma a Genova, che raggiungeranno la capitale in quattro ore e anche sui due pendolini del mattino e della sera”.

Per rispondere alle esigenze dei pendolari l’assessore ai trasporti ha inoltre richiesto alla direzione nazionale passeggeri di  Trenitalia di mantenere le fermate di Chiavari e Rapallo per il treno Eurostar 9773 in partenza alle 18.52 da Genova Principe. “Se questo non dovesse avvenire – ha concluso Vesco – Trenitalia garantirà comunque di velocizzare il treno regionale 6213 che parte da Brignole alle 1837, in modo da raggiungere Rapallo e Chiavari nello stesso tempo impiegato dall’Eurostar”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento