rotate-mobile
Cronaca

Borseggiatore seriale e “portoghese” violento: doppio arresto sui treni

Gli uomini della Polfer hanno arrestato un uomo che si era specializzato nei borseggi ai passeggeri, e un altro che viaggiava senza biglietto e ha reagito con violenza al controllo

Sospiro di sollievo per i tanti passeggeri dei treni che percorrono le tratte genovesi: la polizia ferroviaria è riuscita a individuare e ad arrestare un giovane di origini magrebine che si era specializzato in borseggi, da tempo ricercato.

Gli agenti lo hanno individuato grazie alle descrizioni fornite dalle vittime e ai filmati delle telecamere di video sorveglianza, settimane di indagini che li hanno convinti a chiedere e ottenere un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. 

Il giovane borseggiatore, da tempo residente a Genova e con diversi precedenti per furto, è stato quindi arrestato e trasferito nel carcere di Marassi.

Sempre nell’ambito dei controlli nelle stazioni e sui treni, i poliziotti hanno arrestato anche un giovane di origini senegalesi che, sorpreso da un controllore senza biglietto e senza documenti, ha reagito a pugni, calci e spintoni al tentativo di prenderlo in consegna, facendo cadere un agente. L’uomo è stato quindi arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e denunciato per interruzione di pubblico servizio alla luce del ritardo accumulato dal treno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borseggiatore seriale e “portoghese” violento: doppio arresto sui treni

GenovaToday è in caricamento