rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca San Martino / Via Armenia

Un serpente in negozio: terrore alla Foce

All'inaugurazione de "L'Outlet del vino" si è presentato anche un serpente di un metro e mezzo. Probabile l'abbandono

Si aspettavano amici e clienti all'inaugurazione del loro nuovo negozio ma mai avrebbero pensato alla visita di un serpente lungo un metro e mezzo.

Marco Quaini e Christian Vitiello, titolari del nuovo Outlet del vino a Tommaseo, non dimenticheranno facilmente il primo giorno di attività. Avevano appena tirato giù la saracinesca quando hanno notato qualcosa di luccicante nel giardino: un giocattolo di plastica caduto da un poggiolo, hanno pensato; e invece si trattava di un esemplare di Elaphe Guttata, comunemente chiamato serpente del grano. 

Il rettile, probabilmente abbandonato, sembrava paralizzato ma l'allarme del negozio scattato nella confusione, lo ha fatto muovere; tanto che uno dei due soci, rientrato in negozio per recuperare una scatola, ha dovuto accendere la torcia del cellulare e coraggiosamente cercarlo nell'erba.

Il serpente si era andato a infilare tra la sbarre di un cancello. Chiamati i soccorsi, sono arrivati in via Armenia i vigili del fuoco, esperti nel recupero animali, che a loro volta hanno consegnato l'ospite inatteso alla guardia zoofila Gianlorenzo Termanini.

Dal centro il rettile è arrivato al Centro di recupero animali selvatici (Cras) di Campomorone, dove il veterinario ha potuto visitarlo. Un po' intontito dal freddo (questa specie non velenosa vive a 27-28 gradi)  è stato riposto in una teca riscaldata. Il serpente si trova ora in sequestro penale per presunto abbandono.

La guardia zoofila ricorda che per l'abbandono di animali è punito penalmente con una multa fino a 10mile euro.

Qui le altre notizie del giorno

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un serpente in negozio: terrore alla Foce

GenovaToday è in caricamento