Ucciso durante un tso, il gip ordina il processo per il poliziotto che sparò

La decisione presa dal giudice per le indagini preliminari, che ha rigettato la richiesta della procura di archiviare il caso

Jefferson Tomalà con la fidanzata Anggie

È stato rinviato a giudizio l’agente di polizia che nel giugno del 2018 sparò al 20enne Jefferson Tomalà nel suo appartamento di Borzoli durante un intervento di trattamento sanitario obbligatorio, uccidendolo.

La decisione arriva dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Genova, Franca Borzone, che ha respinto la richiesta di archiviazione presentata dalla procura disponendo l’imputazione coatta. L’agente, che aveva estratto la pistola per difendere il collega sotto attacco da parte del 20enne aprendo il fuoco, dovrà quindi sottoporsi al processo: per il giudice la necessità dell’intervento non giustificherebbe la quantità di colpi esplosi, sei.

I fatti, lo ricordiamo, risalgono al 10 giugno 2018, quando nell’appartamento di via Borzoli in cui Jefferson Tomalà viveva con la madre scoppia una lite. È proprio la madre, la 49enne Lourdes, a chiedere aiuto riferendo ai soccorritori che il figlio è visibilmente alterato e ubriaco dopo una lite con la fidanzata e minaccia di farsi del male a meno di non poterla rivedere insieme con la figlia. Sul posto interviene una volante, a bordo un sovrintendente e un collega più giovane che trovano Jefferson in camera da letto, sotto le coperte, e tentano la mediazione. 

Nel corso della trattativa, stando a quanto riferito dagli agenti, il 22enne estrae un coltello e si scaglia su uno due poliziotti, che prova a fermarlo spruzzando lo spray al peperoncino in dotazione. A quel punto Tomalà si sarebbe avventato contro il sovrintendente ferendolo al torace: è a quel punto che il collega più giovane estrae la pistola e spara, colpendo diverse volte il ragazzo. Un proiettile è fatale: Jefferson muore tra le mura di casa, mentre il poliziotto ferito viene portato in gravi condizioni all’ospedale San Martino, dove qualche giorno dopo incontrerà anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che in visita a Genova deciderà di andare a trovarlo per manifestargli solidarietà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Schianto mortale a Pra', lutto per la scomparsa di Luca

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Curiosità sui quartieri di Genova: perché Quarto e Quinto si chiamano così?

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

Torna su
GenovaToday è in caricamento