Cronaca

Impresa edile del Tigullio finge chiusura per evadere il fisco

Negli ultimi tre anni l'impresa, pur non dichiarando alcun reddito, ha percepito cospicui bonifici bancari relativi a opere di ristrutturazione e riqualificazione energetica

La Guardia di Finanza ha concluso una verifica fiscale nei confronti di una società del Tigullio, operante nel settore dell'edilizia, che ha nascosto al Fisco ricavi per oltre 750mila euro. L'impresa edile sottoposta a controllo, pur apparendo formalmente inattiva dal 2012, di fatto continuava ad operare “in nero” nel campo dell'edilizia.

L'impresa, pur non dichiarando alcun reddito, risultava aver percepito cospicui bonifici bancari relativi a opere di ristrutturazione e riqualificazione energetica.

I finanzieri hanno svolto numerosi controlli incrociati nei confronti dei clienti e dei fornitori dell'impresa e, anche attraverso l'analisi dei conti correnti bancari, hanno potuto ricostruire il reale volume d'affari della società, che non è stata in grado di giustificare i flussi finanziari presenti sui conti correnti intestati alla società e ai soci della stessa.

È stato avviato il procedimento amministrativo per garantire il pagamento dei tributi dovuti e delle sanzioni connesse alle violazioni accertate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impresa edile del Tigullio finge chiusura per evadere il fisco

GenovaToday è in caricamento