Cronaca

Tigullio, finta no-profit evade il Fisco per oltre un milione di euro

Scoperta dalla Guardia di Finanza un'associazione di volontariato che svolgeva in realtà attività commerciali retriuite di cui non dichiarava i proventi

Sulla carta era un’associazione di volontariato, e dunque no profit, ma in realtà i soci dell’organizzazione, operante nel settore dell’emergenza e dell’assistenza socio-sanitaria, portavano avanti attività commerciali e retribuite di cui hanno nascosto i proventi al Fisco.

A finire nel mirino della Guardia di Finanza è stata un’associazione con sede nel Tigullio, che avrebbe evitato di dichiarare redditi per un totale di oltre un milione di euro. Le Fiamme Gialle hanno infatti accertato che i soci dell’organizzazione non lavoravano gratuitamente, ma venivano pagati, nonostante beneficiassero del regime tributario di favore riservato agli enti no-profit.

Nel corso delle indagin gli inquirenti hanno accertato che l’associazione impiegava ben 24 lavoratori in nero e 6 irregolari, evitando anche in questo caso di pagare le tasse. La Guardia di Finanza, che ha quantificato l’evasione fiscale in 1,1 milioni di euro, ha quindi avviato il procedimento necessario per riscuotere i tributi dovuti e le sanzioni aggiuntive, disponendo il sequestro dei beni mobili e immobili intestati ai soci.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tigullio, finta no-profit evade il Fisco per oltre un milione di euro

GenovaToday è in caricamento