Cociv: «Terzo Valico estraneo al depauperamento delle sorgenti a Trasta e Fegino»

Di seguito una nota, che conferma e ribadisce, relativamente alle problematiche emerse per il depauperamento delle sorgenti nella località Trasta/Fegino, l'estraneità del Cociv

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Il Comune di Genova l'altra mattina ha indetto una riunione, alla presenza di tutti i soggetti interessati, finalizzata a verificare le cause del depauperamento delle sorgenti in località Trasta\Fegino, in particolare dell'acquedotto della Costiera.

Nel corso dell'incontro è stato evidenziato che era già stata prevista la possibilità di intercettare alcune sorgenti d'acqua nell'ambito del progetto del potenziamento Nodo Ferroviario di Genova, la cui realizzazione è affidata a soggetti, che non hanno alcun rapporto con il Consorzio Cociv. A  tal fine, coloro a cui è affidato il progetto avevano programmato la realizzazione di un acquedotto alternativo che è stato realizzato ed entrerà in funzione nei prossimi giorni.

Tutto ciò conferma e ribadisce, relativamente alle problematiche emerse per il depauperamento delle sorgenti nella località Trasta/Fegino, l'estraneità del Cociv, General Contractor per la progettazione e la realizzazione del Terzo Valico.

Torna su
GenovaToday è in caricamento