menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrorismo, mercati e centri commerciali sorvegliati speciali anche a Genova

Dopo l'attentato al mercato natalizio di Charlottenburg a Berlino, i livelli di allerta sono saliti anche in Italia e nel capoluogo ligure. Intensificati i controlli nelle zone maggiormente frequentate

A due giorni dal tragico attentato che a Berlino ha causato la morte di 12 persone e il ferimento di decine di altre, l'Europa si stringe intorno alla Germania e le autorità fanno fronte comune contro la minaccia del terrorismo, innalzando le misure di sicurezza nei luoghi ritenuti a rischio, o comunque sensibili. E cioè i tradizionali mercati natalizi, simili a quello del quartiere di Charlottenburg su cui è piombato a folle velocità il camion guidato da un killer ancora in fuga e ricercato.

Anche in Italia, e nel capoluogo ligure, i livelli di allerta sono saliti: in mattinata si è riunito in Prefettura il Coordinamento di Forze di Polizia, un incontro allargato anche ai rappresentati di Comune come da disposizioni impartite dal ministero dell’Interno proprio ieri, in seguito all’attentato di Berlino. 

Durante la riunione si sono discusse le misure di sicurezza da mettere in atto per proteggere le località cittadine e della provincia maggiormente frequentate da turisti e visitatori, e dunque mercatini natalizi e rionali e centri commerciali, arrivando alla decisione di installare barriere e transenne che verranno posizionate da Aster, in grado di bloccare anche eventuali mezzi di grandi dimensioni come i camion. Autorità e forze dell’ordine hanno inoltre deciso di procedere con urgenza a ulteriori controlli delle manifestazioni in programma nel capoluogo ligure e in provincia, con attenzione particolare agli eventi di natura religiosa, ricreativa e culturale organizzati per le festività natalizie. 

L’obiettivo è quello di innalzare le misure di sicurezza potenziando i servizi di controllo e pattugliamento del territorio e dei luoghi con maggiore afflusso di persone, analizzando nel dettaglio quelle già adottate e prendendo ulteriori provvedimenti anche dal punto di vista del personale impiegato. Particolare attenzione, inoltre, è stata dedicata alle misure di vigilanza e protezione di obiettivi sensibili legati alla Germania, alla Federazione Russa e alla Turchia, come ambasciate e consolati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento