Nasconde 120mila euro negli stivali, denunciato imprenditore ricercato da Equitalia

L'uomo, 64 anni, possiede diverse aziende nel modenese ma è residente in Ucraina, e nei giorni scorsi ha tentato di far entrare il denaro in Italia su un'auto appena sbarcata da Barcellona

Quasi 120mila euro in contanti nascosti in un paio di stivali di gomma: è quanto ha scoperto la Guardia di Finanza nel corso dei controlli quotidiani al Terminal Traghetti ispezionando un Suv appena sbarcato da un traghetto dalla linea Tangeri-Barcellona-Genova, e intestato a un imprenditore di 64 anni residente in Ucraina e operante nella provincia di Modena, poi denunciato per  il reato di auto-riciclaggio.

A insospettire le Fiamme Gialle è stato proprio il nome dell’imprenditore, spuntato tra le liste di imbarco delle persone provenienti da Barcellona, già segnalato per accertamenti fiscali legati alla sua attività in Italia e su cui pendeva un atto di pignoramento emesso da Equitalia per un totale di quasi 3 milioni di euro. I militari hanno dunque deciso di approfondire i controlli ispezionando la sua auto, un Suv Mercedes con targa ucraina, in cui hanno trovato 118.400 in banconote nascoste dentro gli stivali.

Confermati i sospetti, i finanzieri hanno quindi deciso di perquisire anche l’abitazione modenese dell’imprenditore, che nella zona possiede numerose aziende, in cui sono stati trovati altri 500 euro in contanti e diversi assegni per un valore totale di 300mila euro. L’uomo è stato quindi denunciato per auto-riciclaggio, reato introdotto da una legge del 2015, ed è partito il sequestro cautelativo del denaro trovato sull’auto, della stessa auto, il cui valore è stato stimato intorno ai 90mila euro, e di alcuni gioielli, un anello di diamanti e un orologio, del valore totale di 5mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • «L'ho trovato, vedrai che non succederà più»: arrestato l'aggressore di Giuseppe Carbone

Torna su
GenovaToday è in caricamento