menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Le diamo 30mila euro in cambio di 3mila»: dipendente delle Poste sventa truffa a un'anziana

La dipendente, prima di procedere con il bonifico richiesto dalla donna, ha capito che c'era qualcosa che non andava

È stata una dipendente delle Poste a sventare, ieri pomeriggio, una classica truffa ai danni di un'anziana donna.

Tutto inizia martedì alle 17,30 negli uffici di corso Sardegna 2c, dove una genovese di 69 anni si presenta allo sportello per fare un bonifico riferendo all’impiegata di esser stata contattata da un dipendente di una società con sede nel Regno Unito, il quale le prometteva l’esborso di 30.000 euro in cambio di 3.000 euro necessari per saldare alcune spese legali sostenute dalla stessa società in nome e per conto suo.

La dipendente dell’Ufficio Postale, prima di procedere al bonifico richiesto in favore di una banca estera e, dopo aver assistito ad una telefonata tra la vittima ed un interlocutore della società molto insistente e agitato, ha avvisato la direttrice della filiale che a sua volta ha chiamato la Polizia.

Gli agenti dell'ufficio prevenzione generale, dopo aver bloccato l’operazione bancaria, hanno accompagnato la 69enne presso la Questura per formulare la denuncia di truffa.

La Polizia Postale è al lavoro per rintracciare chi ha cercato di truffare la donna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento