No Tav: presidio a Trasta contro gli espropri per il terzo valico

Alcuni attivisti No Tav hanno iniziato quello che annunciano essere un presidio permanente in via Trasta per impedire gli espropri necessari alla realizzazione del terzo Valico ferroviario. Fra i manifestanti anche Paolo Putti

Genova - L'annuncio del salvataggio della scuola Villa Sanguineti non è bastato a placare la protesta. Oggi, lunedì 30 agosto 2012, alle 7.30, alcuni attivisti No Tav hanno iniziato quello che annunciano essere un presidio permanente in via Trasta per impedire gli espropri necessari alla realizzazione del terzo Valico ferroviario.

Questa mattina, a impedire ai funzionari del Cociv di raggiungere i terreni interessati dagli espropri c'era anche Paolo Putti, ex candidato sindaco del movimento 5 stelle. Fra i presenti anche alcuni residenti della zona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

  • Coronavirus, le disposizioni di Trenitalia: «Rimborso in bonus a chi rinuncia al viaggio»

Torna su
GenovaToday è in caricamento