Rifiuti, in Liguria la Tari costa in media 333 euro l'anno. A Genova differenziata al 34%

Nel 2019 la spesa per la gestione dei rifiuti nella nostra regione è di una trentina di euro superiore alla media nazionale. Il capoluogo ligure maglia nera per la differenziata

Una trentina di euro in più rispetto alla media nazionale: tanto costa la Tari, la tassa sui rifiuti, alle famiglie liguri, che nel 2019 hanno sborsato circa 333 euro per la gestione dei rifiuti, il 3,2% in più rispetto al 2018. Il dato è stato reso noto dal sito Cittadinanza Attiva, che ha diffuso lo studio nazionale nell’ambito del progetto “Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo economico per l'adesione ad Agenda 2030.

A Genova, in particolare, nel 2018 le famiglie hanno pagato in media 379 euro, nel 2019 un euro di più, 380. Il capoluogo più “economico” invece è La Spezia, dove nel 2018 i residenti hanno pagato 275 euro, scesi a 251 nel 2019. Male la raccolta differenziata: a Genova si ferma al 34,2%, alla Spezia cittadini più virtuosi con il 62,7%. Per quanto riguarda poi la produzione di rifiuti, nel 2017, prendendo in considerazione il dato procapite, le famiglie hanno prodotto 488,1 kg di rifiuti l’anno, il dato più basso di tutti i capoluoghi di regione. La media regionale è di 533,1 kg di rifiuti l’anno, pari al 48,8%.

A livello nazionale, la regione più economica è il Trentino Alto Adige, con 190 euro, la più costosa la Campania  con 421. Catania il capoluogo di provincia più costoso (504 euro e un aumento del 15,9% rispetto al 2018), Potenza il più  economico (121 euro e un decremento del 13,7% rispetto al 2018). Analizzando  le  tariffe  dei  112  capoluoghi  di  provincia  esaminati,  sono  state  riscontrate  variazioni  in  aumento in circa la metà, 51 capoluoghi;  tariffe stabili in 27 capoluoghi e in diminuzione in 34. 

A livello di aree geografiche, i rifiuti costano meno al Nord (in media 258 euro), segue il Centro (299 euro),  infine il Sud, più costoso (351 euro).  Lo studio ha preso in considerazione anche il grado di soddisfazione delle famiglie, ed è risultato che più di due su tre (il 68%) ritengono di pagare troppo per la raccolta dei rifiuti, la percentuale sale all'83,4% in Sicilia, segue l'Umbria con l'80,2%, la Puglia con il 79,1% e la Campania con il 78,4%.

Solo il  60%  delle amministrazioni  comunali  o  delle aziende  che  gestiscono il  servizio  ha elaborato e  reso  disponibile  la  Carta  dei  servizi, e solo  due  su  tre  indicano  il  tipo  di  raccolta effettuata,  la metà la  frequenza  con  cui  è  effettuata.  E  al  cittadino  è  ancor  meno  dato  a  sapere  con  che frequenza  vengono  igenizzati i cassonetti (lo indica appena il 47% delle Carte), pulite le strade (37%) o svuotati i cestini per  strada (25%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

Torna su
GenovaToday è in caricamento