rotate-mobile
Cronaca Pegli / Via Martiri della Libertà

Arrivano le "targhe parlanti" con gli studenti che raccontano la storia dei partigiani genovesi

L'inaugurazione della prima targa si terrà venerdì mattina a Pegli: il progetto di Anpi per non perdere la memoria, usando la tecnologia per coinvolgere soprattutto i più giovani

Le targhe prendono vita e diventano "parlanti" con l'aiuto della tecnologia per permettere ai cittadini - specialmente ai più giovani - di ascoltare la storia dei partigiani genovesi e non dimenticare la Resistenza e la lotta per la libertà.

Succede a Pegli con "Targhe parlanti", progetto della locale sezione Anpi Mario e Nicolò Dagnino che verrà inaugurato venerdì mattina alle 9, in via Martiri della Libertà all'angolo con viale Giorgio Modugno: qui verrà apposta la prima targa a memoria del sacrificio dei partigiani pegliesi.

Tramite un qr code si potrà interagire con il proprio smartphone e scaricare contenuti multimediali in cui, a raccontare la storia dei partigiani, sarà la voce degli studenti della succursale del liceo classico e linguistico Mazzini. Ragazzi, insomma, che parleranno delle vicende di quelli che allora erano altri ragazzi che scelsero di lottare per la libertà.

A partecipare all'evento saranno Claudia Gioanola, vicepresidente Anpi Pegli, Lorella Fontana, vicepresidente Municipio Ponente, il rappresentante della classe 1 C del liceo Mazzini e Silvano Chierotti, membro del comitato provinciale Anpi Genova. 

A divulgare la storia dei partigiani a cui è intitolata questa targa (e in futuro altre 15), come scritto sopra, saranno gli stessi studenti dopo un percorso con Anpi e gli insegnanti volto proprio a conservare la memoria. 

"Con questa iniziativa - è il commento della sezione di Anpi Mario e Nicolò Dagnino - avviamo la realizzazione di un percorso volto a valorizzare il patrimonio storico, culturale e sociale della Resistenza pegliese".

"È un bellissimo progetto quello presentato da Anpi Genova - dice la vicepresidente del Municipio Fontana -  che mi ha trovata subito d'accordo e in municipio abbiamo lavorato con gli uffici per vederlo realizzato. Grazie agli studenti rivivremo le storie dei partigiani pegliesi che hanno lottato per ritrovare la democrazia e la libertà dopo la resistenza contro il nazifascismo".

Un'inaugurazione ancora più speciale poiché si terrà il giorno successivo all'anniversario dell'ultimo discorso di Giacomo Matteotti alla Camera dei Deputati. Ottant'anni fa, infatti, Matteotti denunciava alla Camera dei Deputati le violenze e le illegalità commesse dai fascisti per vincere le elezioni. Pochi giorni dopo, il 10 giugno 1924, fu rapito e assassinato per mano fascista.

Arriveranno altre "targhe parlanti", con le loro storie, prossimamente a Pegli, e l'auspicio delle istituzioni è che altre sezioni Anpi possano prendere esempio e diffondere progetti simili in giro per la città e oltre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano le "targhe parlanti" con gli studenti che raccontano la storia dei partigiani genovesi

GenovaToday è in caricamento