rotate-mobile
Cronaca Oregina / Belvedere Gerolamo da Passano

Vandalizzata per la seconda volta la targa intitolata a Norma Cossetto

Il gruppo della Lega in consiglio comunale: "Un atto antidemocratico in un momento in cui l’Ucraina ci ricorda cosa sia la barbarie della guerra e che le donne sono sempre le prime a pagare un prezzo pesantissimo"

È stata nuovamente vandalizzata la targa intitolata a Norma Cossetto nel quartiere di Oregina il 10 febbraio scorso, ricorda una giovane studentessa uccisa dai partigiani jugoslavi nei pressi della foiba di Villa Surani. 

Dopo il primo episodio, il 20 febbraio, un nuovo atto vandalico, scarabocchi sopra alla targa e la scritta "10,10, 1000 foibe" con un pennarello nero.

"Si tratta del secondo episodio in nemmeno un mese - denuncia il gruppo della Lega in consiglio comunale - dopo che il Comune nel quartiere di Oregina ha posto la lapide che ricorda il suo sacrificio. Un atto antidemocratico in un momento in cui l’Ucraina ci ricorda cosa sia la barbarie della guerra e che le donne sono sempre le prime a pagare un prezzo pesantissimo. La sinistra ormai non ci stupisce più col suo finto buonismo di facciata. Il candidato sindaco Dello Strologo che fa - si chiedono i consiglieri della Lega - condanna o asseconda l’ennesimo atto di negazionismo storico da parte di certa sinistra che interpreta la democrazia solo a senso unico?”.

Sergio Gambino, consigliere delegato alla Protezione Civile di Fratelli d'Italia ringrazia il pronto intervento dell'associazione La Superba che, dopo la sua segnalazione, si è recata sul posto per ripulire la targa. "Siamo di fronte all'ennesimo atto vigliacco - ha dichiarato - un'offesa alla memoria di tanti nostri connazionali uccisi che meritano rispetto e umana pietà".

targa ripulita Norma Cossetto-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandalizzata per la seconda volta la targa intitolata a Norma Cossetto

GenovaToday è in caricamento