menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Struppa: quarantunenne muore giocando a calcetto

Tragedia ieri sera, lunedì 21 gennaio 2013, poco prima delle 21 sul campo da calcetto di via di Creto. Stefano Montemanni, 41 anni, falegname residente con la fidanzata in salita Cà dei Baghini, è morto in seguito a un malore

Genova - Tragedia ieri sera, lunedì 21 gennaio 2013, poco prima delle 21 su un campo da calcetto a Struppa in Valbisagno. Stefano Montemanni, 41 anni, falegname residente con la fidanzata in salita Cà dei Baghini, è morto in seguito a un malore negli spogliatoio del campo in via di Creto.

Era quasi terminato il primo tempo, raccontano gli amici, quando Stefano ha chiesto scusa ha tutti e si è ritirato negli spogliatoi raccontando di non sentirsi bene. Al termine della doccia, il quarantunenne è stato colpito da arresto cardio circolatorio, secondo quanto riferito dal medico legale. I compagni, non vedendo Stefano uscire dagli spogliatoi, si sono allarmati e hanno trovato l'amico riverso nella doccia privo di vita.

Immediata è scattata la telefonata a polizia e 118, a cui è spettato compiere i primi rilievi. Il medico legale ha formulato subito la sua ipotesi. Ora spetta al magistrato decidere se disporre l'autopsia.

Stefano era molto conosciuto in zona. L'ex centrocampista del San Siro di Struppa lavorava come falegname presso il suo laboratorio nella stessa via in cui risiedeva. Gli inquirenti hanno ascoltato numerose testimonianze per cercare di ricostruire le ultime ore di vita dell'uomo.

Al momento non è ancora stata fissata la data dei funerali in attesa che il pm decida se dare il via libera o procedere con gli esami autoptici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento