menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calci, pugni, e minacce alla ex e a sua figlia: stalker in manette

La storia d'amore si era trasformata in ossessione, e così la vittima ha iniziato a picchiare la sua compagna (madre di una bimba di 7 anni) anche in pubblico. Dopo l'ultimo episodio, minacce con un coltello rivolte sia a lei sia a sua figlia, la vittima si è rivolta alla polizia di Genova

Calci, pugni, schiaffi, anche davanti a tutti. Fino ad arrivare all'ultimo gesto, il più grave: le minacce di morte con quel coltello in mano, indirizzate sia a lei sia alla sua bambina.

Credeva che anziché una persona si trattasse di un suo oggetto personale da usare come e quando voleva, e per questo un uomo di 40 anni questa mattina è finito in manette per stalking. La vittima delle sue persecuzioni era una donna di 46 anni - madre di una bimba di 7 - con cui era nata una storia d'amore appena l'anno scorso.

Ma l'amore si è presto trasformato in ossessione: il 40enne, preso da frequenti raptus di "gelosia", più volte l'aveva schiaffeggiata e presa a calci e pugni anche in pubblico, in un turbinio di violenze psicologiche e fisiche che sono culminate a fine gennaio quando l'uomo, con un coltello in mano, è arrivato a minacciare sia la donna sia la figlia.

Dopo quell'episodio, la donna, impaurita, aveva cambiato le proprie abitudini di vita per non incontrarlo più, e aveva affidato la bambina ai nonni. Ma non è rimasta con le mani in mano e si è rivolta alla polizia, che ha arrestato il suo persecutore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento