menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Case zona rossa, lo sportello per gli sfollati resta aperto sino al 12 dicembre

I tempi per completare le acquisizioni stringono, ma le procedure sono complesse: al lavoro 56 notai, la struttura commissariale prolunga l'apertura prevista inizialmente sino al 7 dicembre

Consegnato il progetto di demolizione di quanto resta del ponte Morandi in procura, ancora molto c’è da fare per gestire tutto l’iter relativo all’ acquisizione da parte del Comune delle case che sorgono in zona rossa e che verranno in gran parte demolite a loro volta perché all’interno dell’area di cantiere.

Operazioni complesse cui sta lavorando gratuitamente una squadra composta da 56 notai, e proprio per far fronte alle numerose istanze che stanno arrivando sia dai professionisti sia dai proprietari e inquilini degli appartamenti sfollati, il commissario Marco Bucci ha deciso di prolungare l’apertura dell’apposito sportello aperto al Matitone sino al 13 dicembre.

Il termine iniziale era stato fissato al 7 dicembre, ma la stessa struttura commissariale si è vista costretto a prorogarlo per gestire tutte le problematiche relative all’acquisizione di 266 immobili, ognuno dei quali con precise e diverse caratteristiche che complicano non poco gli atti di cessione. Che, nel caso in cui non venissero completate in tempo, si trasformerebbero in espropri da cui verrebbe tolto il 10% del valore dell’indennizzo. Un’opzione che ha suscitato le proteste di proprietari residenti, non residenti e inquilini, per cui sono state previste diverse modalità di risarcimento.

A suscitare perplessità è stato in particolare il criterio utilizzato per i proprietari non residenti, che riceveranno 2.025 euro a metro quadro previsti dal decreto Genova (e dunque stanziati da Autostrade o, in caso di “latitanza”, dal fondo destinato al commissario), e per gli inquilini in affitto, che riceveranno invece l’indennità da 45mila euro prevista dal Pris (la legge regionale sulle infrastrutture strategiche) e 36mila euro per l’improvviso sgombero ai soli affittuari. A complicare ulteriormente la situazione ci sono poi eventuali “nodi” burocratici come ipoteche, pertinenze, parcheggi, cantine e tutto ciò che potrebbe rientrare nella valutazione per la cessione.

Lo sportello aperto per i cittadini coinvolti nelle procedure di acquisizione degli appartamento riaprirà dunque lunedì 9 dicembre al terzo piano del Matitone, via di Francia 3, nella sede della Struttura Commissariale, con orario 9-18 sino al 12 dicembre. L’obiettivo resta completare tutte le operazioni entro il 20 dicembre, mentre nei desideri di Bucci la demolizione dovrebbe iniziare il 15.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Vaccino coronavirus, Toti: «Ritengo che da giugno si andrà senza più fasce di età»

  • Coronavirus

    Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

  • Coronavirus

    Scuole, la didattica in presenza sale all'80 per cento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento