Spiagge libere, il Comune vota per mantenerle gratuite e non ridurle

Il consiglio comunale, all'unanimità, ha approvato una mozione per evitare che i genovesi debbano pagare per prenotare o andare in spiaggia

Nel corso della seduta del consiglio comunale di martedì 26 maggio si è tornati a parlare di spiagge libere in vista della riapertura prevista per sabato 30 maggio. La mozione, presentato da Cristina Lodi, Stefano Bernini, Alberto Pandolfo, Alessandro Terrile e Claudio Villa, 'Fruibilità delle spiagge libere nella Fase 2 dell'emergenza Covid e misure di sorveglianza' è stata approvata all'unanimità

Il documento impegna il sindaco e la giunta:

  • a mantenere intatta, senza alcuna riduzione, la porzione di litorale in Comune di Genova attualmente adibita a spiaggia libera;
  • ad adottare, nel rispetto della normativa nazionale, di concerto con Regione Liguria e sentite le associazioni dei consumatori, misure volte alla sorveglianza delle spiagge libere senza la previsione di tariffe di accesso o prenotazioni a pagamento;
  • a farsi parte attiva, anche per il tramite di ANCI Liguria, affinché Regione Liguria riconosca un contributo ai Comuni costieri al fine di sostenere i maggiori oneri derivante dalla sorveglianza del litorale pubblico;
  • a riferire in apposita commissione consiliare entro il prossimo 15 giugno 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • A 116 km orari in corso Europa: patente ritirata e maxi multa

  • Il proverbio di Santa Bibiana, che "prevede" il meteo

  • È arrivata la neve: le foto

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

Torna su
GenovaToday è in caricamento