menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hashish nel comodino della madre ed eroina dalla finestra, incastrati spacciatori

La polizia ha incastrato tre pusher. Gli spacciatori di droga utilizzavano originali stratagemmi. Il primo aveva nascosto lo stupefacente nel comodino della madre. Un altro lanciava le buste con l'eroina dalla finestra

La Polizia di Stato di Genova nella mattina di mercoledì, nel corso di servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, ha tratto in arresto un trentenne dell’entroterra di ponente, sorpreso dagli uomini della Sezione Antidroga della Squadra Mobile in possesso di un panetto di hashish, del peso di quasi un etto, e di più di 10 grammi di cocaina, che l’uomo aveva occultato all’interno della propria abitazione, in un comodino della camera da letto della madre.

Nel corso della perquisizione venivano, altresì, sequestrati più di 700 euro in contanti, provento dell’attività di spaccio, e un bilancino di precisione, utilizzato per pesare la droga in vista del suo successivo confezionamento. L’uomo è stato, quindi accompagnato presso il carcere di Marassi per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Sempre nel pomeriggio di mercoledì, nel corso di analogo servizio, svolto nell’ambito del centro storico cittadino, operatori della sezione Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile traevano, altresì, in arresto in vico del Duca un uomo ecuadoriano di 33 anni, sorpreso dai poliziotti nell’atto di cedere una dose di eroina.

Peculiare il modus operandi, messo in atto dallo straniero, nell’ottica di minimizzare il rischio di essere trovato in possesso di stupefacenti: dopo aver ottenuto il pagamento anticipato da parte degli assuntori, lanciava le singole confezioni di eroina dalla finestra della propria abitazione.

La successiva perquisizione domiciliare consentiva, inoltre, il rinvenimento di ulteriori 60 grammi circa di hashish, del materiale utilizzato per il confezionamento dello stupefacente, nonché di più di 700 euro in contanti. L’uomo, che annovera svariati precedenti di polizia per reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio, veniva processato per direttissima, all’esito della quale veniva sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Nuovamente, nell’ambito dei quotidiani servizi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti svolti nel centro storico cittadino, nel pomeriggio di ieri gli uomini della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso sorprendevano un cittadino marocchino di 45 anni nella vendita di una dose di hashish a un giovane assuntore. La cessione si perfezionava nei pressi dell’abitazione dell’extracomunitario, ubicata in salita Famagosta, dove gli operatori rinvenivano altri 60 grammi circa della medesima sostanza, oltre al materiale utilizzato per confezionare lo stupefacente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento