Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Centro Storico / Via di Sottoripa, 1

Sottoripa, "check-point" serali per combattere il mercatino abusivo

Niente sgomberi, ma azioni preventive mirate per impedire ai venditori abusivi di installarsi sotto i portici. E dalla Prefettura sottolineano: «Reati in calo del 40%»

Attività di prevenzione mirate, con presidi fissi in zona che prevengano episodi di abusivismo e degrado: queste le azioni che Comune, Prefettura e forze dell’ordine cittadine hanno in programma per risolvere la problematica situazione di Sottoripa, che ogni sera viene invasa da venditori abusivi che sfruttano l’area sotto i portici per esporre la propria merce.

Le linee guida sono state dettate nel corso di una riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza convocato appositamente per affrontare la questione abusivismo e degrado nella zona di Caricamento, cui hanno partecipato il prefetto Fiamma Spena, il questore Sergio Bracco, il comandante provinciale dei carabinieri, Riccardo Sciuto, il comandante della Municipale, Giacomo Tinella, e l’assessore alla Legalità, Stefano Garassino.

Presidi fissi per regolare l'accesso alla zona di Caricamento

L’idea è quella di sistemare due “check-point” in zona Sottoripa attivi a partire dalle 19.30 per disincentivare i venditori abusivi e bloccare quelli intenzionati a trasformare i portici in un mercato illegale: «Il prefetto preferisce affrontare un discorso globale di prevenzione sull’inizio del mercatino, cercando di evitare che i venditori vadano a sistemarsi in zona. Condividiamo il piano d’azione, e con la Municipale abbiamo dato la nostra disponibilità a creare dei presidi territoriali misti con carabinieri e polizia che possano vigilare sugli accessi all’area - conferma l’assessore Garassino - Allo stesso tempo abbiamo pensato di utilizzare l'arredo urbano per disincentivare l'abusivismo e allo stesso tempo abbellire la zona: sistemare delle fioriere, per esempio, potrebbe impedire agli abusivi di stendere lenzuola e teli. In un'ottica di riqulificazione generale, inoltre, stiamo lavorando con l'assessore al Commercio per cercare di agevolare le attività virtuose e contrastare quelle che contribuiscono ad aumentare il degrado»

Il prefetto: «Reati calati nel primo semestre del 2017»

Bocciata invece l’idea degli sgomberi sistematici, come confermato dal prefetto Spena, che ha invece sottolineato un calo dei reati pari al 40% nei primi sei mesi del 2017: «Mi rendo conto che la sicurezza percepita è diversa, ma dati alla mano non posso che evidenziare il calo dei reati e l’aumento di denunce e arresti».

Al Comune, la Prefettura ha avanzato la richiesta di mettere a punto ordinanza ad hoc che regolino la vendita e il consumo di alcol nelle zone critiche della città, vietando l'utilizzo di contenitori di vetro e aumentando i controlli: una richiesta arrivata nello stesso giorno in cui sono state presentate le nuove pattuglie anti degrado, squadre appiedate di agenti della Municipale che si occuperanno di presidiare il territorio per prevenire episodi di abusivismo, inciviltà e criminalità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sottoripa, "check-point" serali per combattere il mercatino abusivo

GenovaToday è in caricamento