Si fingono avvocati e truffano una pensionata, bloccati grazie allo sciopero dei treni

I due uomini, un 24enne e un 30enne di origini campane, si erano presentati a casa di un'anziana donna residente a Sori raccontandole che il figlio aveva avuto un incidente. Arrivati a Brignole, però, la fuga si è fermata

"Fregati" a loro volta dallo sciopero dei treni fissato per la giornata di venerdì, che gli ha impedito di lasciare il capoluogo ligure dopo avere messo a segno l’ennesima truffa ai danni di un’anziana donna residente a Sori: i carabinieri della stazione di Pieve Ligure hanno arrestato alla stazione di Brignole due uomini residenti a Napoli, un 34enne e un 20enne, che nella mattinata di giovedì sono riusciti a raggirare una pensionata facendosi consegnare un bottino di circa 10mila euro.

A dare l’allarme è stato un parente della pensionata, che ha riferito che la donna giovedì mattina aveva ricevuto la visita di due uomini piuttosto giovani, ben vestiti, che si erano presentati come avvocati raccontando poi che il figlio aveva avuto un incidente e aveva bisogno di denaro per pagare il risarcimento danni. Sotto shock, la donna aveva quindi consegnato loro tutto ciò che aveva in casa, gioielli in oro e contanti, per poi guardarli allontanarsi in fretta prima di preoccuparsi e chiamare un familiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Immediata la denuncia alla Municipale, che è intervenuta insieme con i carabinieri mettendosi sulle tracce dei due truffatori, controllando anche stazioni e autostrade nella speranza che decidessero di fuggire subito dopo il colpo. E proprio alla stazione di Brignole i due sono stati rintracciati, mentre tentavano di trovare un treno nel giorno dello sciopero che li ha fortunatamente rallentati. Dai primi accertamenti è risultato che su entrambi pendono diverse denunce per truffa, e la convinzione degli investigatori è che si tratti di membri di una gang più grande che agisce organizzata in tutto il Nord Italia. Indagini sono adesso in corso per risalire ai complici, mentre per i due, trovati ancora in possesso del bottino, sono scattate le manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • Sampierdarena, ubriachi devastano un locale e minacciano di morte il proprietario

Torna su
GenovaToday è in caricamento