Sori: in manette il "ladro del caffé"

Ripuliva le auto delle ignare persone che, prima di andare al lavoro, si fermavano al bar a prendere un caffé. Per questo un uomo, genovese di 35 anni, è finito in manette

Approfittava della pausa mattutina degli automobilisti che, prima di raggiungere il posto di lavoro, si fermavano in uno dei bar lungo la via Aurelia o prima dello svincolo autostradale dell'A12. Per questo un uomo, genovese di 35 anni, è finito in manette.

Tra Sori e Recco, era già stato soprannominato il "ladro del caffé": il 35enne, che tra le due località liguri ha effettuato la maggior parte dei colpi, attendeva che gli automobilisti si fermassero al bar, lasciando magari l'auto aperta per pochi minuti. 

Giusto, appunto, il tempo di un caffé.

E ne approfittava, introducendosi nell'abitacolo e portando via quanto più poteva: autoradio, orologi, telefonini, soldi. 

Il delinquente è stato smascherato dai vigili di Recco e Sori grazie all'aiuto delle telecamere, in seguito alla denuncia di diverse persone che si erano trovate l'auto ripulita.

Insieme ai carabinieri, i vigili hanno poi atteso il momento giusto per cogliere in flagrante l'uomo e arrestarlo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

  • Coronavirus, le disposizioni di Trenitalia: «Rimborso in bonus a chi rinuncia al viaggio»

Torna su
GenovaToday è in caricamento