Cronaca Sampierdarena / Via Antonio Cantore

Sopraelevata, polemiche sulla demolizione della rampa di via Cantore

Il tema è arrivato in consiglio comunale: secondo Lilli Lauro aumenterà il traffico, per il vice sindaco Bernini lo renderà molto più snello

L'inaugurazione della nuova rampa di accesso alla sopraelevata di via Milano dovrebbe essere il primo passo per la modifica radicale sulla Strada Aldo Moro, con il successiivo abbattimento della rampa di via Cantore, una scelta che non è piaciuta ai molti cittadini e che è stata anche al centro del dibattito nell'ultima seduta del consiglio comunale genovese. 

La questione è stata sollevata da Lilli Lauro del Pdl che ha chiesto all'amministrazione comunale chiarimenti visto che è stata avviata una raccolta firme contro la demolizione che, secondo i promotori dell'iniziativa, provocherebbe un aumento del traffico. Inoltre la segnaletica per indicare le varie direzioni sarebbe poco chiara e soprattutto incomprensibile per turisti o visitatori che non conoscono la realtà genovese.

La risposta del comune è arrivata per voce del vice sindaco Stefano Bernini che ha spiegato: «Il progetto per il nodo di San Benigno è stato approvato nel precedente ciclo e non è effettuato dal Comune. Serve per snellire il traffico nell’intera città. Autostrade, il Ministero e la conferenza di servizi garantiscono che le simulazioni siano state fatte. Quando i collegamenti della strada a mare saranno completati, via Cantore avrà molto meno traffico. La segnaletica risponde a precise richieste dell’Anas, che pretende siano indicate le direzioni delle strade statali, alla Foce come a Sampierdarena».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sopraelevata, polemiche sulla demolizione della rampa di via Cantore

GenovaToday è in caricamento