rotate-mobile
Cronaca

Slot machine: il Comune dichiara guerra anche a biliardo e calcetto

Martedì 23 aprile sarà approvata in Consiglio Comunale una nuova regolamentazione che mira a contrastare i giochi d'azzardo. Ma nel calderone sono finiti anche biliardo, calcio balilla e freccette

Genova  - L’ultima protesta a Pegli, con tutti i genovesi scesi in piazza contro l’apertura di una nuova sala giochi, deve avere davvero scosso il Comune. Dal giorno dopo la protesta capitanata da Don Gallo, Tursi si è impegnato vistosamente per contrastare con divieti e restrizioni il gioco d’azzardo.

Ed ecco che, la prossima settimana, il provvedimento in questione sarà con tutta probabilità approvato dal Consiglio Comunale, per la felicità dei genovesi. Ma, andando bene a leggere le nuove restrizioni il dubbio è che a Tursi sia scappata leggermente la mano. Nella bozza del regolamento infatti a finire nel calderone delle restrizioni ci sono anche il biliardo, il calcetto, le freccette e quasi tutti quei giochi da “pub”.

Ma in cosa consiste la nuova regolamentazione?

Il documento è fitto e composto da più di venti pagine ed ha lo scopo di contrastare il gioco patologico. Ma come? Per esempio, ed è qui che andrebbe a colpire anche biliardo, biliardino, freccette, juke box etc., verrebbe imposto il divieto di apertura agli esercenti che hanno al loro interno video slot, o l’elenco di giochi appena fatto, dalle 21 alle 9 del mattino seguente. Una regolamentazione sicuramente giusta per le video slot, ma che rischia di diventare a dir poco severa nei confronti degli appassionati di biliardo o del mitico calcio balilla.

Manifestazione a Pegli contro Slot House

In più c’è la richiesta, da parte di Lilli Lauro, consigliera Pdl, di eliminare tutti quei tendoni di protezione all’interno delle video slot, e di far mettere letteralmente la faccia al giocatore, mostrandolo in vetrina eliminando tendoni e vetri oscurati. Ma qui pare non ci sia una legge che lo consenta.

Uno dei punti invece mirati contro le slot, uno dei pochi per la verità, è l’articolo 7 che prevede una distanza minima da alcuni siti quali scuole, chiese, parchi dalle sale giochi.

Da martedì 23 aprile la lotta alle slot può ufficialmente iniziare, sperando però che qualche consigliere si metta una mano sulla coscienza ripensando a quando magari anche lui ha passato le serate a giocare a calcio balilla, gioco in cui francamente è difficile vederci qualcosa di male.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Slot machine: il Comune dichiara guerra anche a biliardo e calcetto

GenovaToday è in caricamento