menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sovraffollamento carceri: sit-in Radicali e parenti detenuti a Marassi

Sit-in di protesta giovedì mattina di fronte al carcere di Marassi. L'Associazione Radicali Genova e i parenti dei detenuti manifestano contro il sovraffollamento delle carceri

Sit-in davanti al carcere di Marassi. Questa la protesta dell'Associazione Radicali Genova e dei parenti dei detenuti contro il sovraffollamento. La manifestazione si terrà giovedì 21 novembre alle ore 9 davanti al carcere.

«E’ ormai trascorso più di un mese - recita il comunicato - dal messaggio alle Camere del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sulla questione carceraria, pronunciato in seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo che condanna l’Italia a pesanti sanzioni a causa del malfunzionamento cronico del sistema penitenziario italiano.

Nel messaggio il Presidente ha rilevato ciò per cui da anni lottano Marco Pannella e i Radicali, ossia come i tanti interventi immaginabili per risolvere la situazione inumana delle carceri, e la situazione della giustizia a essa collegata, “appaiono parziali, in quanto inciderebbero verosimilmente pro futuro e non consentirebbero di raggiungere nei tempi dovuti il traguardo tassativamente prescritto dalla Corte europea. Ritengo perciò necessario intervenire nell'immediato (il termine fissato dalla sentenza Torreggiani scadrà, come già sottolineato, il 28 maggio 2014) con il ricorso a rimedi straordinari".

Che fine ha fatto l'indicazione contenuta nel messaggio di inizio ottobre? Che fine hanno fatto i "rimedi straordinari" di amnistia e indulto? In Italia la giustizia è insensatamente lenta e senza alcun rispetto dei diritti umani fondamentali, tanto per l'irragionevole durata dei processi (violazione art.6 della Convenzione Europea sui diritti dell'Uomo) quanto per i trattamenti inumani e degradanti (violazione art. 3 della stessa Convenzione) a cui sottopone i suoi cittadini detenuti.

Per ricordare alla politica il messaggio di Napolitano e per dare forza al Ministro Annamaria Cancellieri che ha definito l'amnistia un “imperativo categorico morale”, sono previsti sit-in di militanti insieme ai familiari dei detenuti, attivati e coordinati da Alessandra e Francesca Terragni, giovedì 21 novembre davanti alle carceri di molte città italiane».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento