menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Marittimi sorpresi a vendere sigarette di contrabbando

A notare la scena sono stati gli agenti della polizia locale, in servizio in borghese. Le 'bionde' sono state affidate alla Guardia di finanza

Due naviganti imbarcati su un traghetto che fa la spola tra Genova e la Tunisia, in quel momento in porto, hanno tentato di vendere a un connazionale 61 pacchetti di sigarette di contrabbando per 90 euro. È successo in piazza dello Statuto, nel centro storico.

I due, che indossavano tute da meccanici, si aggiravano tra via Gramsci e via delle Fontane, destando l'attenzione degli agenti del primo distretto della polizia locale, in pattugliamento in borghese per sventare reati predatori in zona. Gli agenti hanno seguito i due uomini, poi identificati come marittimi tunisini, e li hanno visti incontrare un terzo uomo, anch'egli tunisino, e con lui dirigersi verso un'auto posteggiata regolarmente proprio in via Gramsci.

I due marittimi, una volta seduti sull'auto, hanno aperto le tute tirando fuori 61 pacchetti di sigarette di una nota marca, verosimilmente di quelle distribuite a bordo al personale com'è tradizione sulle navi. I due hanno deciso di non fumarle e di venderle al connazionale una volta sbarcati a Genova.

Gli agenti hanno chiamato la Guardia di Finanza che ha provveduto al sequestro amministrativo. Tutti i soggetti erano presenti regolarmente sul territorio: il compratore perché munito di permesso di soggiorno e residente in Italia, i marittimi in quanto tali, con regolare registrazione di sbarco temporaneo dalla nave sulla quale lavorano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento